venerdì 4 gennaio 2008

Mercato: ecco i primi affari del 2008

Tornano gli aggiornamenti sul calciomercato invernale russo, tradizionalmente il principale per le squadre ex sovietiche: poche novità di rilievo, sembra che la maggior parte dei club siano rimasti ancora in vacanza.
Per semplificarvi la lettura, divido le trattative per punti:


- partiamo dalla cessione (manca solo l'ufficialità, attesa ad ore) sicuramente principale: ovvero quella del difensore serbo Branislav Ivanovic al Chelsea di Roman Abramovic, che è riuscito a battere la concorrenza di Manchester United, Manchester City, Barcelona, Ajax, Inter, Juventus e Milan. Il miglior difensore della Premier Liga 2007 è già arrivato a Londra: il costo dell'operazione è inferiore ai 15 milioni di euro, cifra richiesta inizialmente dalla Lokomotiv. Ma non è finita, i ferrovieri rischiano di perdere un'altra loro stella: si tratta del trequartista nazionale russo Diniyar Bilyaletdinov, ormai da mesi sul taccuino di Grant: pare che il Chelsea sia riuscito ad ottenere un'opzione per prelevare il 22enne a giugno, alla conclusione del campionato europeo.
Sarà dura per la Loko trovare un valido sostituto di Ivanovic (impossibile uno di egual valore): era molto seguito il suo connazionale Antonio Rukavina, che però proprio oggi ha firmato per il Borussia Dortmund. Potrebbero decidere di rischiare la carta Draman, giovane laterale ghanese giunto a Mosca nella scorsa estate, ma sarebbe una mossa a mio avviso azzardata.

- Continua a fare molto parlare di se, in questo caso a suo discapito, il CSKA Mosca: d'altronde ha in rosa giocatori che fanno gola all'intera Europa, è normale che con il fallimento targato 2007 gli altri club si piombino come avvoltoi sui migliori talenti dell'Armata Rossa. I più richiesti rimangono sempre loro due, Daniel Carvalho e soprattutto Vagner Love, entrambi seguiti dallo spendaccione Manchester City di Eriksson, che pare essersi letteralmente innamorato del centravanti della nazionale brasiliana, che il connazionale Zico vorrebbe convincere a seguirlo in Turchia. Giner nelle scorse settimane ha più volte ribadito che nessun big lascerà il CSKA in questo mercato di riparazione, il tempo ci dirà se avrà mantenuto la parola data...
Secondo alcune fonti provenienti dal Brasile, sarebbe in procinto di passare alla corte di Gazzaev l'ennesimo brasilero: questa volta si tratterebbe di tale Leonardo, difensore 22enne.

- Rafa Benitez, alla continua ricerca di un difensore centrale in grado di risolvere i mali difensivi del suo Liverpool, avrebbe individuato nello slovacco dello Zenit Martin Skrtel il compagno di reparto da affiancare all'idolo locale Jamie Carragher. Difficile però che la squadra Campione di Russia si privi di uno dei suoi migliori, e soprattutto più promettenti, elementi.

- Concluso l'affare Maidana (fantasista prelevato dal Banfield), lo Spartak Mosca è pronto a lasciar partire il portiere Kowalewski, che intende trovare una squadra che lo faccia giocare con regolarità per poter prendere parte ad EURO 2008 con la sua Polonia: al momento l'offerta più convincente è arrivata da Varsavia, sponda Wisla.

- Nel pomeriggio l'FC Mosca di Oleg Blokhin ha ufficializzato l'acquisto del laterale destro Vitaly Kaleshin, prelevato dal Kuban, che può essere utilizzato sia come esterno basso che come esterno alto. L'ex capitano della formazione di Krasnodar ha firmato un quadriennale con il suo nuovo club.

- Scatenato sul mercato, almeno stando alle voci che si susseguono sui giornali, il rinnovato Krylya Sovetov. Dopo i vecchi Andrey Tikhonov e Ruslan Adjindjal, è arrivato anche il terzo acquisto ufficiale: si tratta del nazionale bielorusso Timofey Kalachev, considerato in patria il miglior giocatore del suo paese dopo il gunner Hleb. Il rapido esterno destro, seguito anche da Spartak Mosca e FC Mosca, arriva dopo due stagioni trascorse al Rostov, club retrocesso nello scorso campionato russo.
Sono numerosi i nomi che vengono accostati alla formazione di Samara: ultimamente i più frequenti sono quelli del centrocampista della Loko Roman Kontsedalov (considerato un'alternativa al ceco Jiri Jarosik del Celtic) e dell'attaccante ghanese Baffour Gyan, fratello maggiore dell'Asamoah dell'Udinese e chiuso nel Saturn dai vari Kirichenko, Lebedenko, Topic e Kovel (quest'ultimi due nuovi arrivi). Per quanto riguarda Kontsedalov, fossi nei ferrovieri non me ne priverei mai e poi mai: nel 2006, a Nalchik, ha dimostrato di essere in possesso di un enorme talento, inoltre lo ritengo un ottimo sostituto per il dopo Bilya, nel caso in cui il capitano dei rossoverdi dovesse preparare le valigie per Londra.

- Come annunciato precedentemente, il Saturn ha avuto la meglio per la corsa alla giovane promessa bielorussa Leonid Kovel, attaccante di proprietà della Dinamo Minsk che ha trascorso l'ultimo anno in prestito alla formazione ucraina del Karpaty, con la quale ha raccolto numerosi consensi da parte della critica. Oltre a Kovel, approda a Ramenskoye anche il nazionale camerunense Benoit Angbwa, terzino destro 25enne svincolatosi dal Krylya Sovetov che ha rifiutato offerte proveniente dalla Francia (in particolare dall'OM) per giocare nella squadra guidata dal suo ex allenatore Gadjiev.

- Autentico colpaccio del Khimki che si assicura le prestazioni dell'esterno ucraino Sergey Pylypchuk, tra i principali protagonisti della doppia salvezza che lo Spartak Nalchik ha effettuato negli ultimi due anni. Il 22enne molto presumibilmente sarà il degno sostituto dell'ex capitano Andrey Tikhonov, ora al Krylya Sovetov di Slutskiy.

- Tante operazioni in uscita per il Luch-Energia, che decide di non rinnovare il contratto a Beslan Adjindjal (il fratello-gemello di Ruslan, quello approdato a Samara), Konstantin Lobov ed Alexey Arkhipov; sono stati inoltre ceduti a titolo definitivo Sergey Shtanyuk (che andrà a chiudere la sua carriera nella Dinamo Minsk) e l'ex Zenit Maxim Astafjev, che ha firmato per il Rostov. A fronte di tante partenze, in entrata al momento c'è da segnalare soltanto il nome di Stanislav Reznikov, centrocampista classe '86 prelevato dal NoSta di Novotroitsk.

- Infine, da sottolineare l'impegno in sede di mercato del neopromosso Shinnik, che dopo Boyarintsev e Lazarov, acquista dal Rostov il difensore serbo Milan Vjestica (con un lungo trascorso allo Zenit) e cerca di concludere la trattativa che porterebbe ad Oleg Ivanov, interessantissimo trequartista di cui il Kuban si vuole privare solamente a peso d'oro.

16 commenti:

Nac ha detto...

Mah vediamo come si evolverà sto meracato... ci sarà sto salto di qualità tanto pronosticato delle squadre russe? o verranno saccheggiate per poi spendere soldi per comperare Pellizoli o Mozart vari come se fossero Buffon o Maradona?Purtropo da quel che leggo (e con moltissimo rammarico perchè sono il primo che vorrebbe le Ex-unione sovietica in prima linea) mi sembra che nonostante tutti sti soldi a disposizione i giocatori migliori sembrano sul punto si salutare il freddo Russo per la calda panchina Inglese(Vagner Love è la 64° punta che Eriksson desidera in quella squadra dove gli sprechi monetari abbondano come un pò in tutto il campionato inglese). Se ste squadre vogliono dare qualche soddisfazione ai loro tifosi in Europa bisogna incominciare ad usare la testa e bisogna fare qualcosina per trattenere i giocatori Russi (Kerzhakov e Izmaylov Smertin cosa fanno via da qua???) di un certo livello per poi migliorare le rose con qualche straniero. O forse la Lokomotiv spera che vendendo Ivanovic e Bilyatendinov poi compererà Kakà?
Ma spero che la tendenza almeno per quest'anno cambi un pò...almeno in casa Zenit....la Gazprom mi sembra vogliosa di investire...

Kerzhakov 91 ha detto...

Purtroppo siamo sempre lì, al momento le squadre russe non hanno il fascino delle principali europee e quindi per le società in questione risulta ancora più difficile riuscire a convincere i giocatori a trasferirsi in Russia. Senza considerare poi il fatto che quando le squadre russe sono interessate ad un giocatore estero, il prezzo dello stesso automaticamente viene alzato dalla sua società, il tutto ovviamente per guadagnare più quattrini.
Un altro importante problema è che il campionato russo garantisce praticamente 0 visibilità: infatti, per qualche strano motivo a me ignoto, nessuna televisione internazionale trasmette le partite della Premier Liga e quindi risulta ancora più difficile venire a conoscenza di questo torneo. Se poi ci aggiungi il fatto che una squadra come il CSKA, invece di andare avanti in Champions, si fa eliminare da Fenerbahce e PSV, la frittata è fatta...

I migliori giocatori russi per lo meno giocano quasi tutti in patria dai, in questo non ci possiamo lamentare, a parte Kerzhakov, Izmailov (in prestito allo Sporting), Saenko e Boudianski (loro due hanno comunque lasciato la madre patria da giovanissimi), tutti gli altri sono rimasti, questo penso che sia un bel risultato. Ah, stavo dimenticando Smertin, che l'anno scorso però fece schifo alla Dinamo Mosca e che ha così deciso di ritornare in Inghilterra dove si trovava molto bene.

Comunque non mi risulta che debbano partire un pò tutti: Ivanovic era seguito da mezza Europa, era francamente impossibile che restasse a Mosca un altro anno (ricordo che la Loko non si è qualificata per nessuna coppa europea). Vagner Love & co. credo proprio che rimarranno.

Nac ha detto...

Mmmm, effettivamente i Russi stanno in Russia.....speriamo che ci restino :).
Purtroppo in Russia effettivamente i giocatori non ci vanno volentieri anche se, passamela, ha più fascino uno Spartak che un Man City....Come visibilità pure il campionato non se la passa bene.....come altri in Europa però....A prop come fai a vedere le partite? Che a me piacerebbe vederne qualcuna.....
Per quanto riguarda l champions...in efffetti il cska mosca non doveva uscire quest'anno, assolutamente, ma sono riusciti nella difficlissima impresa di far passare Dida un fenomeno.....Quel Mandrykin non so prorpio dove l'hanno trovato...dopo il fenerbache io non l'avrei più fatto giocare ed invece.....mah vabbè sarà per la prossima volta....

Kerzhakov 91 ha detto...

Però Akinfeev era infortunato, era rischioso affidarsi al 17enne Pomazan, talentuoso sì ma senza alcuna esperienza...
Mandrykin per me non è un malvagio portiere, l'ho sempre difeso, purtroppo ha questo GRAVISSIMO difetto di incappare spesso in papere a dir poco clamorose: trattasi di classico portiere con 0 personalità e soprattutto poca fiducia in se stesso (fiducia appunto persa dopo numerosi errori), però credimi non è scarso, anche se ormai si è rovinato la reputazione.

Lo Spartak Mosca come storia, tradizione e blasone è sicuramente superiore al Manchester City, sono poche le squadre europee che possono contare su un fascino realmente maggiore. Il problema è che lo Spartak Mosca gioca nello sconosciuto campionato russo, il City in Premier, il torneo più seguito al mondo. Il problema principale a mio avviso è proprio quello, la scarsa (per non dire nulla) visibilità. Probabilmente sarà così finchè le squadre non riusciranno davvero ad imporsi in Europa, oppure finchè un big di livello assoluto non approdi in Russia...

Edoardo Tinghi ha detto...

Ciao kerzhakov91, Sono un tifosissimo del Sevilla ed ho costituito un club ed un relativo blog sulla mia squadra. Mi farebbe piacere mettere il tuo link sul blog. Posso? Se lo ritieni opportuno mi farebbe piacere che tu facessi altrettanto.http://sevilla-clubdefans-italia.blogspot.com.
Mail:edoardotinghi@alice.it. Saluti.

Kerzhakov 91 ha detto...

Ma certamente Edoardo, anch'io sono un grande fan del Sevilla (non solo per Kerzhakov), è la mia squadra spagnola preferita.

Kerzhakov 91 ha detto...

PS: sicuro di aver inserito bene il link? Non lo trovo...

Edoardo Tinghi ha detto...

http://sevilla-clubdefans-italia.blogspot.com/
Hai messo un punto dopo com finale. Saluti e speriamo che kerzha domani entri e risolva la partita.

Kerzhakov 91 ha detto...

Ok, fatto ;)

Nac ha detto...

Ma la maglietta che usi come foto....è la nuova dello zenit?

Kerzhakov 91 ha detto...

Esatto :D

Sinceramente non mi piace più di tanto, preferivo di gran lunga le versioni degli ultimi 3 anni (con l'adidas come sponsor tecnico), ma pazienza...

Nac ha detto...

NOOOO sacrilegio!!!!
Come si fa ha cambiare una volta raggiunto l'adidas che fa le maglie migliori?
Ma porcaccia la miseriaccia......
e vabbè...tra un paio d'anni cambieranno di nuovo...
Però....sul sito dello Zenit hanno ancora il simbolo dell'adidas.....eheheh

Kerzhakov 91 ha detto...

Evidentemente devono ancora modificarlo, d'altronde lo Zenit è ancora in vacanza. Comunque se vedi nella prima pagina è messa in mostra la nuova versione.

Come ho già detto, anch'io preferivo di gran lunga l'adidas, è logico credere che la Puma abbia fatto un'offerta superiore allo Zenit (che tra l'altro diventa il primo club russo con la Puma come sponsor tecnico).

Nac ha detto...

Eh l'ho vista, si, ma solo nella versione n cirilico.....
e onestamente dire che preferivo quella vecchia è scontato assai. Questa nueva non mi garba proprio!!!
Cmq essendo "anziano" e avendo vissuto l'era del CCCP onestamente le russe le associo alla adidas che era la marca ufficiale di tutto l'est europa in tutte le discipline...infatti lo spartak nike la vedo un pò come una porcheria....Comese gli USA vestissero adidas.... vabbè dai è meglio ke m'aggiorno...la legge del mercato è questa...:)

Entius ha detto...

Ciao,
ti ho inserito fra i miei link. Una piccola correzione. Il nome del mio blog non è "De Rerum Calcio Forum" ma "De Rerum Calciorum". Potresti correggerlo? Grazie

Kerzhakov 91 ha detto...

Fatto!