giovedì 13 marzo 2008

RIEPILOGO CALCIOMERCATO RUSSO - INVERNO 2008/1a parte

Domani, con l'atteso anticipo tra Terek e Krylya Sovetov, prenderà il via la Premier Liga 2008, che promette di essere ancora più equilibrata e spettacolare degli ultimi anni, con la crescti di alcune formazioni che potranno dare del filo da torcere alle quattro grandi (Zenit, CSKA, Spartak e Lokomotiv), come la Dinamo Mosca, il Saturn, il Rubin ed il Krylya Sovetov.

In questo post, riepilogherò i movimenti di mercato delle 16 squadre che prenderanno parte al campionato russo (perdonate la lunghezza dell'articolo).

Qui (http://calcio.leonardo.it/forum/viewtopic.php?p=1395433#1395433) trovate una completa tabella fatta dal sottoscritto, con tutti gli acquisti e le cessioni delle formazione della RPL.


AMKAR PERM
Non è cambiata poi così tanto rispetto alla scorsa straordinaria stagione, tutto sommato ha perso soltanto tre giocatori tra gli artefici del miracolo di Rakhimov: Levenets ha seguito il tecnico alla Lokomotiv Mosca, Kobenko aveva già firmato da tempo per il Rubin, mentre era già stata messa in preventivo la partenza dell'attaccante Savin. La dirigenza ha rimpiazzato bene i partenti e, nel caso del portiere della nazionale Gabulov (neanche paragonabile al sopravvalutatissimo Levenets...), è riuscita addirittura a migliorare notevolmente un ruolo assai delicato. Arrivano a Perm anche due esterni sinistri: il più offensivo Afanasiev, stella della nazionale bielorussa U-21 e da cui mi attendo molto, e l'ex Lokomotiv Starkov, adattabile anche in difesa come terzino di spinta. Entrambi i giocatori sono molti giovani, due ottimi elementi in prospettiva. Così come è indubbiamente interessante un altro giocatore che i Ferrovieri hanno inserito nella trattativa-Levenets, la rapida seconda punta Zhilyaev, che viene da una positiva stagione in First Division, con la maglia dello Zvezda Irkutsk: personalmente, sono pronto a scommettere su di lui, mi auguro che riuscirà a non far rimpiangere Savin. Shestakov - rientrato dal prestito al NoSta - ed il 22enne serbo Injac sono gli altri due rinforzi del reparto avanzato; il nazionale turkmeno Krendelev, protagonista della promozione dei ceceni del Terek, una valida alternativa in mezzo al campo.

VOTO: 6,5.



CSKA MOSCA
Nulla di nuovo: il CSKA continua nel suo credo, ovvero quello di puntare con convinzione sui giovani talenti provenienti da ogni parte del globo. Oddio, nell'ultima stagione non è che ci abbia sempre visto giusto (deludenti fin qui i vari Ramòn, Caner Erkin e Janczyk), però in passato non hanno sbagliato un acquisto e Kalouda è il prototipo del giocatore ideale per la dirigenza del CSKA: un Under-20, quindi giovanissimo (come il resto della squadra d'altronde) e dall'enorme potenziale, tanto che in patria non sono mancati i paragoni con Nedved. Molto convincente nelle prime uscite stagionali l'ex punta dello Spartak Nalchik Ricardo Jésus, ennesimo brasiliano approdato all'Armata Rossa: viene visto come il sostituto ideale di Jo.
La difesa è rimasta invariata, anche se Gazzaev ha più volte provato uno schieramento a 4 dietro; potrebbe rivelarsi utile per il futuro il 18enne Zaytsev, prelevato dal Kuban, considerato come uno dei più promettenti giovani difensori russi.

VOTO: 7.


DINAMO MOSCA
Ha fatto molto parlare di sè per l'acquisto di Kerzhakov, pagato 8 milioni di euro. Potrebbe trattarsi del bomber che tanto è mancato alla formazione di Kobelev nella scorsa annata, anche se nutro dei seri dubbi sull'adattamento di Sasha al 4-2-3-1 della Dinamo, servirebbe un centravanti con un altro tipo di caratteristiche in quel modulo. Per il resto la rosa è rimasta la stessa - a cui va aggiunto soltanto il 22enne terzino sinistro polacco Kowalczyk, con la panchina rimasta inevitabilmente corta.
Se Kerzhakov ritornasse ad esprimersi sui suoi migliori livelli, la Dinamo avrebbe fatto il colpo dell'anno, ma resto dell'idea che avrebbero potuto fare qualcosina di più.

VOTO: 6,5.


FC MOSCA
La maggiore delusione. Probabilmente l'unica squadra - insieme al però povero Spartak Nalchik - ad essersi verosimilmente indebolita rispetto alla stagione precedente. Semak non è stato rimpiazzato, Maxi Moralez è stato rispedito in prestito al Racing Avallaneda e la difesa, con il solo innesto di Ushenin, non potrà di certo fare chissà quale salto di qualità. Approvo, invece, l'arrivo dell'ex capitano del Kuban Vitaly Kaleshin, uno dei migliori terzini destri russi. Ripetere il quarto posto del 2007, con delle concorrenti sempre più agguerrite e competitive, è pura utopia (felice ovviamente di essere smentito in futuro).

VOTO: 4


KHIMKI
Ottimo mercato quello dei rossoneri: nonostante le cessioni dei suoi migliori giocatori (Shirokov, Vorobjov e Tikhonov), la dirigenza del Khimki è stata in grado di rimpiazzare a dovere i partenti. In particolare, è ottimo l'acquisto dell'esterno ucraino Pylypchuk, 22enne che avrà il compito di non far rimpiangere eccessivamente l'indimenticato Tikhonov. Più complicato invece l'obiettivo prefissato ai vari Pershin (nazionale U-21 arrivato in prestito dal Saturn), Eromoigbe (nigeriano prelevato dai bulgari del Levski Sofia per 2 milioni di euro) e Dzyuba, tutti centrocampisti difensivi, perchè Shirokov e Vorobjov formavano davvero una solida coppia davanti alla difesa (e guarda caso sono stati entrambi convocati da Hiddink in nazionale). Per il dopo Orlov, si è puntato sul nazionale bielorusso Radkov, terzino che può giocare su entrambe le fasce. Mihajlovic, difensore centrale serbo con un lungo trascorso nelle file del Wisla Cracovia, è una valida riserva, mentre invece è tutto da scoprire il suo connazionale Knezevic, giovanissimo centrocampista soltanto omonimo del difensore croato del Livorno. Mi è piaciuto l'acquisto dell'ex Rostov Dantsev, laterale utilizzabile sia in difesa che a centrocampo. Rinforzato anche l'attacco: Antipenko si contenderà il posto infatti con i nuovi arrivati Bairamov (turkmeno protagonista di diverse discrete stagioni al Rubin) e Nikiforov, 18enne di cui si dice un gran bene. Nizamutdinov, tra i migliori giocatori della scorsa First Division con la maglia del NoSta, rappresenta la classica seconda punta in grado di creare scompiglio alle difese avversarie.

VOTO: 6,5.


KRYLYA SOVETOV SAMARA
Dopo il disastroso girone di ritorno, che ha fatto rischiare la retrocessione al KS, ed i noti problemi economici, il club di Samara è cambiato di proprietà ed i nuovi padroni hanno deciso di rifondare la squadra, epurando quasi tutti i giocatori della precedente gestione. Inutile dire che è stato cambiato anche il tecnico: si è puntato forte sul 36enne Slutskiy, che tanto bene ha fatto all'FC Mosca negli ultimi anni. Il primo acquisto è stato quello del carismatico Tikhonov, una leggenda in Russia, l'uomo giusto per fondare una formazione con una mentalità vincente. In porta, il cileno Lobos si contenderà il posto con i giovani David Yurchenko (russo prelevato dalla Dinamo Minsk) e Calancea, moldavo arrivato in prestito dallo Zimbru Chisinua. La difesa, che tante incertezze ha manifestato l'anno scorso, è stata pesantemente rafforzata con gli arrivi del capitano della nazionale russa Under-21 Taranov dal CSKA, Belozerov (votato miglior giocatore dell'ultima Serie B russa) dal KamAZ, il 17enne bielorusso Politevich ed il nazionale coreano Oh Beom-Seok. A centrocampo, si è deciso di puntare sul rapido esterno del Rostov e della nazionale bielorussa Kalachev (che, vista la partenza del camerunense Branco, potrebbe essere schierato anche come terzino destro di spinta), sull'affidabile regista Budylin (ex Torpedo e Rubin), sull'esperto Ruslan Adjindjal e sull'interessantissimo Oleg Ivanov, trequartista che tanto bene fece con il Kuban nello scorso girone d'andata, prima di infortunarsi. La ciliegina sulla torta è rappresentata dal ceco Jarosik, arrivato dagli scozzesi del Celtic, che da quando ha lasciato il CSKA per il Chelsea ha avuto un rendimento molto discontinuo. In avanti, oltre a Salugin (giovane ingaggiato dalla squadra riserve del CSKA), si è spesa un ingente somma di denaro per avere la meglio su Savin, giocatore da cui ci si aspetta la definitiva esplosione.

VOTO: 7,5.

Nessun commento: