giovedì 3 aprile 2008

ANDATA - QUARTI DI FINALE DI COPPA UEFA 2007/08: Bayer Leverkusen - Zenit San Pietroburgo 1-4




Reti: 20' Arshavin, 52' Pogrebnyak, 61' Anyukov, 64' Denisov; 33' Kiessling.

Stupisce tutti e si candida ad essere la sorpresa di questa Coppa UEFA (sorpresa comunque relativa, a mio avviso la squadra che sta andando oltre le sue reali possibilità è un'altra, il Getafe di Laudrup, che i campioni di Russia potrebbero affrontare in semifinale in caso di passaggio del turno) lo Zenit San Pietroburgo, semplicemente travolgente nel match di ieri, che l'ha visto imporsi per ben 4-1 alla BayArena di Leverkusen, ipotecando la storica qualificazione alle Semifinali. In una partita che verrà ricordata dal sottoscritto come la prima dello Zenit trasmessa da una televisione italiana (SportItalia, con l'ottimo Borghi come telecronista), gli ospiti hanno disputato la classica gara perfetta, dominando gli avversari grazie ad un pressing alto continuo ed asfissiante del centrocampo russo, con i vari Fayzulin, Tymoschuk, Zyryanov e Denisov che hanno corso come non mai, recuperando una quantità infinita di palloni e rilanciando immediatamente l'azione, passando per i sapienti piedi di Arshavin, ispirato come nelle migliori serate. Oltre alla velocità del gioco dello Zenit ed alle sue ripartenze fatali, hanno fatto la differenza anche le sovrapposizioni dei due esterni bassi, Anyukov e Sirl, una spina nel fianco della retroguardia tedesca, imbarazzante al cospetto di uno dei migliori Zenit della gestione Advocaat (costretto ancora ad assistere alla partita dalla tribuna; ritornerà in panchina proprio nel ritorno).
Con le solite assenze di Lombaerts e Dominguez (rientra, invece, Kim Dong-Jin, che si accomoda in panchina), confermato per l'ennesima volta l'undici che ha disputato le ultime quattro partite, con Shirokov e Krizanac al centro della difesa, Anyukov e Sirl sulle fasce laterali, capitan Tymoschuk davanti alla difesa, con i vari Fayzulin, Zyryanov, Denisov ed Arshavin dietro a Pogrebnyak. Formazione tipo per i tedeschi, eccezion fatta per il ghanese Sarpei, non al meglio della condizione, sostituito da Gresko, giocatore che qui in Italia in molti si ricordano con più o meno piacere; soltanto panchina per il centravanti russo Bulykin.

In una bellissima atmosfera, i Campioni di Russia partono benissimo ed Arshavin, che scambia spesso posizione con Fayzulin sulle fasce, mette in apprensione la difesa avversaria ogni volta che tocca il pallone. Al 10’ un traversone dalla destra del talentuoso nazionale russo viene respinto dal tunisino Haggui, ma arriva a Pogrebnyak che lascia partire un tiro che finisce di poco a lato. Poi è Zyryanov a rendersi pericoloso con un inserimento dei suoi, su assist filtrante sempre di Arshavin, ma il giovane Adler è bravissimo in uscita ad anticipare il miglior calciatore russo del 2007. Ma il vantaggio dello Zenit è solo una questione di tempo ed arriva al 20': Barnetta e Gresko pasticciano, non intendendosi e lasciando arrivare il pallone ad Arshavin che, come una saetta, supera due avversari in progressione e batte l'estremo difensore del Bayer con un tocco morbido che si insacca sul primo palo. Gol bellissimo siglato probabilmente dal miglior giocatore della competizione. I padroni di casa reagiscono però immediatamente. A rendersi protagonista è sopratutto Tranquillo Barnetta, desideroso di farsi perdonare l’errore precedente: Malafeev para il tiro del nazionale svizzero da fuori area e, successivamente, Gekas colpisce di testa su calcio d’angolo dello stesso Barnetta. Il nazionale greco contribuisce al pareggio che arriva al 33’ lasciando partire un traversone dalla destra per Schneider, il cui colpo di testa viene respinto sulla linea da Shirokov, ma a quel punto interviene Kiessling che non fallisce, rendendo inutile l'uscita disperata di Malafeev ed il tentativo di ulteriore salvataggio ancora di Shirokov. Ti aspetti che dopo il pareggio il Bayer inizi finalmente a fare la partita, ma così non é: il gol subito non demoralizza i Campioni di Russia che, dopo una prima frazione di gioco dominata in lungo ed in largo, chiudono in crescendo.
Nella ripresa uno scatenato Zenit riuscirà a segnare tre gol nel giro di 12 minuti. Al 52', con il Leverkusen proteso in avanti, è ancora una volta letale il rapidissimo contropiede della formazione di San Pietroburgo: Zyryanov recupera palla sulla trequarti e lancia in profondità Arshavin che si invola a mille all'ora sulla fascia sinistra, lasciando partire un traversone basso con il contagiri per Pogrebnyak cui non resta che insaccare a porta sguarnita. Ottavo centro (nono considerando anche la rete siglata nel 2° turno) per "Posha", capocannoniere insieme al bomber italiano Luca Toni. Lo Zenit continua a contrattaccare con velocità e precisione e, con il Bayer alla ricerca disperata del pareggio, i russi vanno in rete ancora due volte in tre minuti. Il terzo gol è opera di Anyukov al 61’ con una conclusione dai 25 metri, sulla quale per dirla tutta Adler ha senz'altro qualche responsabilità, pur essendo sfavorito dall'ultimo rimbalzo fatale. A chiudere completamente la contesa ci pensa Denisov, dopo l'ennesimo contropiede MAGISTRALE: uno-due nella propria metacampo tra Pogrebnyak e Zyryanov, palla che giunge ad Arshavin che, di prima, lancia a rete Fayzulin con un tocco d'esterno destro magico (che passa fra l'altro sotto le gambe di Haggui); l'ex centrocampista dello Spartak Nalchik serve a sua volta sempre d'esterno Denisov, solo contro il numero uno tedesco, che batte inesorabilmente. Nel finale, ancora Denisov sprecherà una ghiottissima palla gol a porta vuota dopo un'azione pressochè identica. La straripante gara dello Zenit si conclude con una splendida combinazione al volo tra Arshavin e Pogrebnyak (con splendido colpo di tacco del piccolo numero 10), con cross dello stesso vice-capitano dello Zenit che imbecca Denisov, la cui conclusione attraversa tutta l'area di rigore per poi ritornare ancora fra i piedi di Arshavin che, da posizione impossibile, prova il golazo con un tiro d'esterno potentissimo, che Adler riesce a respingere soltanto a fatica. Finisce 1-4, con i tifosi dello Zenit in lacrime: difficilmente dimenticheranno una prestazione di tale livello.

I MIGLIORI: Giornata speciale per Arshavin, divenuto padre per la seconda volta proprio poco prima dell'inizio della partita, condita di un gol strepitoso, un assist divino ed innumerevoli colpi di classe che deliziano il pubblico ospite e neutrale e che fanno ammattire la retroguardia del Leverkusen, che proprio non riesce a tenerlo quando parte con la sua irrefrenabile progressione. Si conferma "Re Mida" in Europa Pogrebnyak, che trasforma l'unica palla gol che gli capita tra i piedi: fondamentale 1-2 a parte, grande partita anche per lui. Tra i più in forma Denisov ( a questo punto non può non essere convocato in nazionale se si mantiene su questi standard...), che insieme a Zyryanov (ritornato sui livelli della scorsa fantastica annata) e Fayzulin (finalmente una prestazione più che convincente!) ha rappresentato il punto di forza nello Zenit trionfale di ieri: questo anche perchè alle loro spalle c'era il sempre attento Tymoschuk. Prestazione da incorniciare anche per gli esterni di difesa: un motorino con i polmoni d'acciaio Anyukov che, se sfruttato a dovere come ieri, risulta semplicemente devastante in profondità; sarà difficile per il coreano Kim riconquistarsi il posto da titolare visto come lo sta sostituendo il ceco Sirl.


I PEGGIORI: Nel pallone tutta la difesa delle "Aspirine", grave l'errore di Barnetta che ha portato al vantaggio di Arshavin, sovrastati dalla rapidità dello Zenit i centrocampisti Rolfes e Schneider. Poco mobile Gekas davanti.



Bayer 04 Leverkusen (4-2-3-1): Adler 6; Castro 4,5, M. Friedrich 5, Haggui 5, Gresko 4,5 (66' Sarpei s.v.); Vidal 6, Rolfes 4,5; Kiessling 6, Schneider 4,5 (62' Barbarez s.v.), Barnetta 5; Gekas 5.
In panchina: Domaschke, Schwegler, Freier, Bulykin.
Zenit (4-3-2-1): Malafeev 6,5; Anyukov 8, Shirokov 6,5, Krizanac 6, Sirl 7; Tymoschuk 6,5, Zyryanov 7,5, Denisov 7,5; Fayzulin 7, Arshavin 8,5; Pogrebnyak 7.
In panchina: Contofalsky, Ricksen, Kim Dong-Jin, Lee Ho, Gorshkov, Radimov, Fatih Tekke.



Reti: 20' Arshavin, 52' Pogrebnyak, 61' Anyukov, 64' Denisov; 33' Kiessling.
Arbitro: Benquerença (POR)
Ammoniti: M. Friedrich e Barnetta per il Bayer Leverkusen; Krizanac per lo Zenit.

VIDEO GOL CON COMMENTO IN ITALIANO:





CLIP:

8 commenti:

Giuliano Adaglio ha detto...

Grande Zenit, niente da dire. Sono sempre più pentito di non aver puntato sui russi per la vittoria finale della Coppa: ormai la quota si sarà abbassata vertiginosamente! :-)

La squadra vista stasera ha confermato di essere all'altezza delle Grandi d'Europa. Vantaggio meraviglioso di Arshavin, solito gol del puntuale Posha, bumba di Anyukov (ma quanto corre?!?) e contropiede magistrale concluso da Denisov. Notare che i 4 marcatori sono tutti russi, di cui due prodotti del vivaio. I soldi della Gazprom sono importanti, ma non sono tutto. C'è un progetto, un'idea, un movimento calcistico in crescita. Chapeau.

Nac ha detto...

Partitao meravigliao!!!
Non mi sarei mai aspettato di vederli così pimpanti dopo la scoppola domenicale!
Squadra in crescita che gioca all'olandese con passaggi veloci e ripartenze brucianti...due tre tocchi e via!
Adesso, alla luce della prestazione di ieri e delle prestazioni(speriamo) future ci sarà da combattere contro i club stranieri che assaliranno lo zenit....fortuna che non devono far cassa!!!
La difesa cmq non mi piace. quel Krizanac è un pò troppo falloso e sbaglia un casino di apoggi che se ieri invece di Kiessling ci fosse stato un eto'o, un drogba....finiva 3-4...e anche shirokov è un buon centrale ma non eccelso...probabilmente ha bisogno di una guida più esperta. Davanti invece son mostruosi....A parte arshavin, che si conosce, ma anche denisov e sirl mi son piaciuti molto... e pensare che in cekia giocano con grygera e jankulovski come terzini.... Se in giugno fanno una difesa come dio comanda e comperano un due ricambietti onesti, questi diventano uno squadrone!!! Intanto vediamo con chi andranno in semifinale....Perchè secondo me un pensierone alla coppa lo devono assolutamente fare!!!

Kerzhakov 91 ha detto...

@Giuliano

Ti ringrazio per i complimenti che fanno sempre piacere :D
E' vero, è significativo il fatto che a segnare siano stati quattro giocatori russi (senza contare poi i vari Malafeev, Shirokov e Fayzulin, tra i migliori in campo), lo Zenit è il club che in questo momento sta fornendo il numero maggiore di nazionali ad Hiddink. Per quanto riguarda il vivaio, oltre a Malafeev, Denisov ed Arshavin, vorrei ricordare che anche alcuni degli attuali migliori giocatori russi sono cresciuti nelle giovanili di San Pietroburgo (penso soprattutto a Bystrov e Kerzhakov), le più floride in Russia insieme a quelle dello Spartak.

@nac
E' un mistero come faccia Sirl a non essere titolare nella sua nazionale (è soltanto nel giro, ma ha giocato pochissimo): diciamo che in realtà lui è un esterno sinistro piuttosto offensivo, e quindi in passato è stato chiuso dai vari Nedved e Plasil (quest'ultimo comunque non migliore di lui, anzi...) ma arretrato di posizione e schierato come terzino di spinta è davvero devastante, Bruckner non può non chiamarlo.

Kerzhakov 91 ha detto...

Dimenticavo nac:

Krizanac è una (ottima) riserva, mentre Shirokov in realtà ha sempre giocato a centrocampo, sono due mesi che è stato spostato dietro con grande profitto. Il titolare, nonchè nostro miglior difensore, è di gran lunga il belga Lombaerts, ora infortunato, ma anche lo slovacco Hubocan non è utilizzabile purtroppo in Coppa UEFA, quindi è inevitabile che giochino sempre loro due ;)

Nac ha detto...

Mi perdonerai ancora un quesito....
una volta si parlava di punteggi uefa per la champions.....oggi guardo uefa e champions e agli ottavi e ai quarti da due anni ci sono scozzesi...russi.....
Ora, come è possibile che la romania sia più avanti? E' oltraggioso!!! Di squadre rumene non ce n'è neanche l'ombra da non so quanti anni!!!!

Marco Perciabosco ha detto...

sono contento per lo zenit.. ormai il tuo blog ci sta facendo affezionare ad una squadra che sinceramente nemmeno calcolavo se non per i contatti che anni orsono aveva avuto con lucarelli.. mi è piaciuto un sacco arshavin!

Entius ha detto...

Ciao,
mi piacerebbe ospitare nel mio blog dei post scritti da altri blogger.
Per esempio tu potresti scrivere un post facendo il punto sul campionato russo o parlando di un giocatore russo o di una squadra russa in particolare (magari proprio dello Zenit).
Non si parla mai dei campionati cosidetti "minori" e sarebbe interessante parlare di qualcosa di diverso.
Se ti va, scrivi il post e mandamelo via e-mail (bloginter@hotmail.it).
Ti ringrazio. A presto, Entius

PS:Possibilmente non scrivere un post troppo lungo.

Kerzhakov 91 ha detto...

@entius

Ti ringrazio per la proposta, che terrò in futuro in considerazione, ma in questo periodo purtroppo ho davvero molto poco tempo, infatti mi limito (e neanche sempre...) a scrivere post sulle principali partite della giornata e sul riassunto che viene inserito anche sul sito RecontraGolazo.