domenica 6 aprile 2008

RUSSIAN FIRST DIVISION, TERZA GIORNATA: Rostov - NoSta Novotroisk 1-1: 62' Osinov rig; 6' Lebedev.


Non posso garantire nessuna periodicità a questi servizi, anche se mi pare di aver capito che il canale russo RTR Planeta Sport (così come Perkiv Kanal, si può trovare nella lista degli altri canali di SKY) trasmetterà ogni settimana la partita più importante che si disputerà di domenica, a mezzogiorno. Staremo a vedere.



Due punti buttati via - e che francamente avrebbe anche meritato - per il Rostov, club giunto ultimo nella scorsa Premier Liga, ma tra le formazioni favorite (insieme ad Alania, KamAZ, Kuban, Sibir, Torpedo ed Ural) per la promozione, che si era aggiudicato entrambe le prime due gare della Serie B russa. Il NoSta, rimasto peraltro in 10 per gran parte della ripresa, ha disputato il suo onesto match, badando a non scoprirsi più di tanto ed affidandosi alle ripartenze, che hanno portato al clamoroso 0-1 immediato. Nei secondi 45', il dominio della formazione del Mar Nero è stato assoluto, ma le tante occasioni create non sono state tramutate in gol, complice qualche errore di mira di troppo.

Oleg Dolmatov (il tecnico che, nel 2003, regalò il primo titolo russo al CSKA, prima di essere sostituito con Gazzaev) si affida ai giovani cresciuti nel vivaio dello Zenit, schierando Astafjev e Kozlov come esterni offensivi nel suo 4-5-1, con il centravanti della nazionale U-21 Kozhanov come unica punta. Schieramento prudente anche per il NoSta, squadra che l'anno scorso da neopromossa disputò un ottimo campionato, trascinata dalle reti di Nizamutdinov (ora al Khimki, tra i tanti capocannonieri dell'attuale Premier Liga).

Il Rostov parte meglio, ma a trovare l'immediato vantaggio sono gli ospiti con Lebedev, difensore in prestito dallo Zenit titolare nella nazionale russa U-21, abile a sfruttare un erroraccio del serbo Zivanovic. I padroni di casa macinano gioco e vanno vicinissimo ad un pareggio che meriterebbero con Zivanovic, che non riesce a farsi perdonare lo svarione precedente, centrando in pieno l'ex Krylya Sovetov Budnikov sulla linea di porta. E' ancora il numero 26 serbo a rendersi pericoloso di testa sugli sviluppi di un corner, ma il portiere Pchelintsev è attento e non si fa sorprendere. Il Rostov conclude la prima frazione di gioco ancora in avanti e questa volta è l'altro difensore centrale, il vecchio bielorusso Shtanyuk a sfiorare il bersaglio grosso con uno stacco di testa.
Nella ripresa Dolmatov (che già aveva inspiegabilmente sostituito Kozlov, il più attivo dei suoi, nel corso dei primi 45') decide di fare un doppio cambio, togliendo i deludenti Astafjev e Kozhanov, inserendo altri due nuovi acquisti, l'ex Kuban Kirilenko ed il centravanti brasiliano Rafael. Due mosse che si riveleranno azzecate. E' infatti il numero 7 di Krasnodar a guadagnare il fondo, crossando in mezzo proprio per la 22enne punta brasilera, il cui colpo di testa a colpo sicuro viene intercettato di mano da Semenov: una sciochezza per il centrocampista ex Khimki, che viene inevitabilmente espulso, lasciando i suoi in 10. Il penalty che ne consegue viene trasformato da capitan Osinov, uno specialista sui calci piazzati. Sembra il preambolo che porterà la formazione di casa al successo che, invece, non arriverà, nonostante il gran numero di palle gol create.


Rostov (4-5-1): Gerus 6,5; Ponomarev 6,5, Zivanovic 4,5, Shtanyuk 5,5, Omeljanchuk 6,5; Astafjev 5 (46' Kirilenko 6,5), Zuev 6, Osinov 6,5, Dyadyun 6,5, Kozlov s.v. (29' Kulchiy 6,5); Kozhanov 5,5 (46' Rafael 6,5).
In panchina: Khoteev, Bendz', Shabaev, Kireev, D. Burmistrov.
NoSta (4-4-2): Pchelintsev 5,5; Lebedev 7, M. Rozhkov 6, Budnikov 6,5, Gorin 6; Antonnikov 6 (68' Prodruzhko s.v.), Lungu 6, Surodin 6,5, Semenov 5; Olejnik 5,5 (65' Reznikov s.v.), Yanchuk 6 (74' S. Kuznetsov).

3 commenti:

Nac ha detto...

L'altra settimana.....ok ma questa....non potrai credo contraddirmi se penso che il pur ottimo zenit di coppa, in campionato sia stato fallimentare e dopo solo 4 partite.....ha già 7 punti di ritardo dalla prima della classe....ed è cmq dietro tutte le squadre che dovrebbero competere per il titolo....
Ok la coppa...ma se non la vincono corrono il rischio di essere già tagliati fuori dal titolo in maggio....un pò prestino per il campionato russo....senza calcolare che cmq anche il secondo posto rischierebbe di diventare complicato...anche perchè le altre squadre non è che dormano...e davanti ci sono spartak e cska....che son rognose anche se van male.
La rosa mi sa che si ta rivelando un pò cortina......e poi cosa occorreva far finire a tutti 11 la partita di levercuesen? Un Arshavin...un Timoshyuk...o qualcun'altro poteva farlo uscire al 70...almeno....Per il mercato di giugno mancano ancora due lunghissimi mesi....

Antonio Giusto ha detto...

Ma l'Italia è rimasta l'unica nazione che la Serie B non la fa vedere neppure a pagamento?

Kerzhakov 91 ha detto...

Scusate se oggi non ho scritto nessun post, ma sono appena tornato a casa da una gita scolastica a Venezia, cercherò di rimediare domani ;)


@nac
Non ho potuto purtroppo vedere la partita pareggiata per 2-2 con lo Shinnik, ma credo che sia stato un risultato più "casuale" che altro, dettato probabilmente da una mancanza di concentrazione nell'azione che ha portato al pareggio di Boyarintsev nei minuti di recupero. Inoltre il rigore che ha consentito allo Shinnik di portarsi sull'1-2 era totalmente inventato. Certo, 5 punti dopo 4 giornate sono una miseria.


PS: la rosa è corta, non lo scopriamo di certo oggi, credo che la società sia la prima ad essersene resa conto. In questo momento si parla in continuazione di Valbuena, se arrivasse sarebbe un colpaccio, mi ha sempre impressionato, credo che sia il miglior giocatore dell'OM, superiore al più "mediatizzato" Nasri.

@Antonio
Direi che è anche tra le poche che non trasmette il campionato russo (Inghilterra ed USA, per esempio, hanno acquistato i diritti).
Comunque sì, è una cosa piuttosto scandalosa.