martedì 17 giugno 2008

Sperando che sia di buon auspicio...

Domani mattina il sottoscritto partirà per Innsbruck ed in serata si recherà allo stadio per tifare la Russia insieme ad un suo amico, sperando ovviamente che tutto vada per il meglio.

Visto che domani, come voi ben saprete, ritornerà finalmente disponibile un giocatore molto importante per la nazionale russa, vi ho preparato un piccolo "regalo": una compilation realizzata dal sottoscritto con il meglio di Andrey Arshavin, dalla stagione 2005 fino ai giorni nostri (purtroppo non sono riuscito a trovare video con i gol delle sue precedenti annate). Spero che voi appreziate questa "chicca".

Sedetevi ben comodi ed ammirate, gente!

11 commenti:

Francesco ha detto...

grande video,un giocatore dalla tecnica sopraffina,speriamo sia di buon auspicio e che Hiddink si giochi alla grande il suo meraviglioso Jolly.

GaSan ha detto...

Grande Arshavin..in bocca al lupo alla Russia oggi..spero anchio che passi..

Vojvoda ha detto...

Ti sto scrivendo dopo la fine del primo tempo...Non ho parole!Se non sapessi che questa in maglia rossa è la Russia direi che siamo di fronte ad Argentina o Brasile dei tempi migliori...Mamma mia che giocatori e che gioco..ZHIRKOV,ARSHAVIN,PAVLYUCHENKO,SEMSHOV,BYLIALETDINOV sembrano giocolieri prestati al calcio...Un dominio nettissimo..Poteva finire 4-0....

Vojvoda ha detto...

Una partita stellare!Nessun altro aggettivo potrebbe caratterizzare la gara sfoderata dai maestri russi.Molti attribuiranno i meriti quasi esclusivamente a quel genio delle panchine che risponde al nome di Hiddink sottovalutando le individualità enormi di questo gruppo(oltretutto monco).Io credo invece che in un collettivo decisamente sontuoso grazie al lavoro dell'olandese si inseriscono diverse individualità di primo livello.
Nell'ordine:ARSHAVIN,ZHIRKOV,ZYRIANOV,PAVLYUCHENKO,SEMAK,SEMSHOV,AKINFEEV,ANYUKOV,BILYALETDINOV,TORBINSKIY...senza dimenticare gli assenti DENISOV,POGREBNYAK,KERZHAKOV ed IZMAILOV.Nessuno schema di gioco,nemmeno quelli sublimi di Hiddink può avere soluzione senza grandi interpreti.
Mi diverte pensare questo gruppo così giovane tra 2 anni ai mondiali...Sarà devastante....!Complimenti per la scelta di andare ad Innsbruck!!

Vojvoda ha detto...

Dopo Pavlyuchenko la lista continuava con...SEMAK,SEMSHOV,BILYALETDINOV,
AKINFEEV,ANYUKOV,TORBINSKIY....
Purtoppo il messaggio mi è stato parzialmente mangiato...

Enrico04 ha detto...

Grazie Hiddink, per questo risultato, e chiaramente grazie ai ragazzi, che vanno in campo..è chiaro che io sottovaluto questo gruppo, anche perchè non li conosco, ma non so se con un altro in panchina saremmmo arrivati a questo traguardo..bravi giocatori, ok, ma in fase realizzativa non si può sprecare così tanto!!con gli olandesi bisogna esser + cinici, perchè questi ti puniscono, se davanti avessimo uno con Trezeguet(insomma uno che la butta dentro..)sarebbero dolori per tutti..intanto godiamoci questo momento, e vediamo se si riesce ad andare avanti..l'appetito vien mangiando!!

Federico Casotti ha detto...

Ho appena commentato la partita su Eurosport: con Arshavin la Russia ha completamente cambiato faccia. a questo punto contro l'Olanda può succedere davvero di tutto, la vedo quasi 50-50. Complimenti, delle tre partite che potevi scegliere hai visto la più bella e decisiva...

Francesco ha detto...

Vediamo di riordinare un pò le ultime dichiarazioni e le ultime indiscrezioni riguardanti la possibile partenza della "Zvezda" Andrey Arshavin.
Ieri,all'indomani del gol che ha mandato in archivio la prativa Svezia,il Genio dello Zenit e della Nazionale Russa era stato dato ormai per certo all'Arsenal,forte di una buona proposta e di tanto blasone,con tanto di benedizione di Arsen Wenger.Eh si,dopo aver solo flirtato con Kerzhakov qualche stagione fa,pare che questa volta l'allenatore Alsaziano faccia proprio sul serio.Eppure lo Zenit si è premurato di smentire seccamente l'ipotesi cessione.Oggi,giorno in cui l'Italia,con imperdonabile ritardo pare essersi accorta di questo Asso del calcio russo,è arrivata una dichiarazione piuttosto secca rilasciata da Dick Advocaat,in partenza con il suo gruppo per la Danimarca,dove lo Zenit sosterrà una gara amichevole contro una formazione locale:"Arshavin è un giocatore di talento assoluto,vuole andarsene,vuole l'Europa,ma al momento non ci è giunta alcuna proposta da altri club.Sono soltanto voci".
Non credo francamente nemmeno a quanto è scritto sull'articolo di sportmediaset.Si cerca sempre di aggiungere particolari a sorpresa in queste storie,ma credo che Putin,che è si di San Pietroburgo e che tifa si Zenit,non è che possa dire Arshavin ty nikuda edish (Arshavin tu non andrai da nessuna parte).A volte si vogliono forzare certe situazioni e far sembrare la Russia non so quale Nazione,pronta a blindare entro i propri confini il più grande talento degli ultimi venti anni.Sino ad ieri nessuno sapeva chi fosse Andrey Arshavin,oggi addirittura scende in campo Putin a tenerlo a San Pietroburgo.Il problema vero è che pochi possono permettersi questi famosi 4 o 5 millioni di Euro all'anno per un giocatore che pur essendo a mio avviso tra i migliori cinque fantasisti al mondo,non stuzzica la fantasia(per ora)di tifosi e di case di abbigliamento.E' un colpo che non darà il ritorno di un operazione Ronaldo o Ronaldinho(in questo momento inferiore a Shava).Lo vedrei bene in una società saggia capace di valorizzare i talenti come l'Arsenal,così come lo vedo bene al Chelsea di Abramovich,mentre in Italia per ora,è ancora destinato a rimanere un investimento rischioso che,in caso di fallimento esporrebbe le società alle critiche feroci dei tifosi.
Io..bhè,io spero rimanga in Russia,spero che tutto vada come lui sogna e si augura.Non ci piove sul fatto che stiamo parlando di uno dei giocatori più forti al Mondo,un fantasista che ha ancora tanti e tanti margini di miglioramento e con almeno atre 5 stagioni da disputare ad altissimi livelli.Dico che determinante nela sua carriera è stato il cambio di panchina a San Pietroburgo,Advocaat per Petrzela;un cambio non indolore,rivelatosi ostico inizialmente per il piccolo folletto di San Pietroburgo.Arshavin era si talentuoso(dell'Arshavin che scherzò il Marsiglia nel 2006 sto parlando),ma ancora non perfettamente maturro,specie a livello professionale.Il morbido regime Petrzela faceva si(dalla biografia di Arshavin),che i giocatori potessero andar e adivertirsi e passare notti in bianco tra night,bar e casinò della Città sul Baltico.Con Advocaat tutto è cambiato,il lavoro,duro,la disciplina,ferrea.E' stato un tecnico che gli ha insegnato tanto,un tecnico che lo ha preparato professionalmente all'Europa,quell'Europa che ormai dal giorno dello Scudetto,11 novembre 2007,Arshavin sogna ad occhi aperti.Ricordiamo le prime incomprensioni con Advocaat,che il 2 Aprile del 2007 non esitò a metterlo fuori rosa dopo una notte brava al compleanno di Bystrov,proprio a poche ore di distanza dalla sconfitta più bruciante dell'anno dello scudetto,patita proprio dai moscoviti al Petrovskiy Stadion.Lo stesso Advocaat ha detto di lui:"Non è un leader,non è un capitano,finchè ci sarò io qui lui capitano non lo sarà mai".Tante piccole cose che lo hanno fatto crescere e lo hanno aiutato a lavorare da professionista serio(un pòcome Zhirkov).E' solo così che si raggiungono certi risultati.Ora il suo talento è supportato da una condizine fisica eccezionale,ottenuta grazie al lavoro di due specialisti e maniaci del settore come Advocaat ed Hiddink.Non è un bizzoso,è semplicemente uno che come un pò tutti i russi,specie necessita di una comprensione maggiore,necessita di un tecnico di livello che lo introduca a concetti e mentalità ancora avulse alla cultura calcistica russa,che atrtualmente ritengo assolutamente sprovvista di gente in grado di insegnare un calcio che possa sfidare quello Europeo.Al momento,in Russia c'è abbondanza di talenti,di volontà,di fondi,ma non di grandissimi allenatori.Non mi riferisco solo ad Arshavin,ma io che vedo giocare ogni finesettimana anche Pavlyuchenko e Zhirkov,Sychev e Bystrov(gente che farebbe fortuna in Europa),noto che hanno un impostazione,un piglio nettamente diverso nel lavorare con uno come Hiddink.Certi esperti stranieri sanno come valorizzare i diamanti grezzi che ci sono in Russia,Arshavin ora possiamo dire che è Diamante e basta,deve semplicemente far tesoro di tutti gli insegnamenti,visto che non è uno di primo pelo e continuare così!

Vojvoda ha detto...

Bravo enrico,bella e completa analisi...bravo davvero.Conosci molto bene il calcio russo e la sua mentalità!Ciao

Vojvoda ha detto...

Scusa ,volevo dire bravo Francesco....:-))

Francesco ha detto...

Sono un discepolo di Kerzhakov91 :D
Ecco il perchè di tanta passione per questo campionato che ho imparato ad amare grazie ai suoi post heheh