giovedì 5 giugno 2008

Tre vittorie su tre contro Kazakhstan, Serbia e Lituania...si può essere (moderatamente) ottimisti oppure no?

Premesso che gli avversari affrontati non erano l'Ungheria del '54, il Brasile del '70 e l'Olanda del '74 (anche se la Serbia, soprattutto in quanto ad individualità, non avrebbe assolutamente sfigurato ai prossimi Europei) e fermo restando che i risultati di queste amichevoli vanno sempre presi con le molle, ho visto una più che discreta nazionale russa, specie nelle prime due gare (contro la Lituania non fatevi trarre in inganno dal risultato finale: la Russia avrebbe potuto segnare anche qualche rete in più, ma dietro ha lasciato a desiderare, mal coperta da un centrocampo che ha badato esclusivamente ad offendere, senza preoccuparsi della fase difensiva, il che ha portato al crearsi di enormi praterie in contropiede per gli avversari). Hiddink, nonostante le tanto discusse convocazioni, sembra aver imboccato la strada giusta, che è quella del centrocampo a tre in pieno stile Zenit (pesa come un macigno però l'assenza di un giocatore come Tymoschuk, inutile negarlo) con due mezze punte a ridosso dell'unico centravanti, che a questo punto sarà sicuramente Pavlyuchenko nella gara inaugurale contro la Spagna, vista l'indisponibilità di Posha. Le trame proposte in fase di impostazione del gioco mi hanno soddisfatto, sono state spesso di pregevole fattura. La Russia se vorrà disputare un buon Europeo dovrà assolutamente giocare sempre ad alti ritmi, sulla falsariga dello Zenit versione europea, aggredendo gli avversari nella propria metacampo e sfruttando il movimento senza palla degli esterni e l'inserimento da dietro dei centrocampisti. Assolutamente da non ripetere l'atteggiamento attendista al limite del vacanziero di quattro anni fa, proprio nella sfida d'esordio anche in quell'occasione avvenuto contro la Spagna: la Russia si dovrà sì principalmente difendere dagli attacchi delle "Furie Rosse" ma utilizzando le armi che ha a propria disposizione, assolutamente non lasciando il pallino del gioco in mano agli avversari, perchè questa è una nazionale capace di giocare a calcio, specie in velocità (certo, senza Arshavin non sarà la stessa cosa, anche se sono fiducisioso su alcuni giocatori che mi auguro arrivino al top della forma, come Bilyaletdinov e Sychev). La regola numero uno sarà però un'altra: NON SCOPRIRSI ed attaccare con moderazione, cercando di gestire al meglio le risorse fisiche-atletiche (ricordo che questa nazionale, causa ottusaggine di Hiddink riguardo il mai del tutto chiarito "caso Denisov", non ha praticamente ricambi al terzetto di centrocampisti, gli altri presenti nella rosa o sono trequartisti o sono ale dalle caratteristiche spiccatamente offensive). La difesa continua a non convincere (ridicoli i gol presi da Serbia e Lituania), anche se preferisco di gran lunga il reparto schierato con quattro difensori in linea piuttosto che quello a tre che ha caratterizzato le Qualificazioni, in uno dei moduli più offensivi che la storia del calcio ricordi.



Ecco a voi un video realizzato dal sottoscritto con tutti i gol segnati e subiti dalla Russia nelle tre amichevoli valide come gare di preparazione ad EURO 2008.

4 commenti:

valentino tola ha detto...

http://europeidicalcio2008.splinder.com
Vuoi essere dei nostri?

La Russia e Hiddink hanno nel DNA il fatto di volersela giocare, però contro la Spagna fossi Guus opterei per un 3-6-1 foltissimo a centrocampo e una partita di copertura nella propria metacampo, in modo da far cadere la Spagna in quelle che sono le sue lacune.

Kerzhakov 91 ha detto...

La difesa a 3 la escludo categoricamente, bisogna giocare a 4 dietro, ASSOLUTAMENTE. Il modulo credo e spero che sarà un 4-3-2-1 in pieno stile Zenit, un 4-5-1 in fase di non possesso insomma.

valentino tola ha detto...

Ma come lo vedi Zhirkov terzino?

Hai visto l' ultima mail che ti ho mandato ieri?

Kerzhakov 91 ha detto...

Sì, l'ho vista, ora mi iscrivo, sarò dei vostri ;)

Zhirkov terzino lo vedo abbastanza bene, anche se in fase difensiva deve ovviamente migliorare. Credo abbia tutte le qualità per poter diventare uno dei giocatori più forti che ci siano in circolazione in questo suo nuovo ruolo, in questo 2008 sta mantenendo un rendimento davvero eccezionale (è infatti secondo me il miglior calciatore russo ora come ora, dopo Arshavin), speriamo si continui ad esprimere su questi livelli anche in Austria&Svizzera...