giovedì 17 luglio 2008

13^ GIORNATA: TUTTE LE PARTITE + RECUPERI


Amkar Perm - Luch-Energia Vladivostok 2-0: 25' Kushev, 48' Dujmovic.
Non si ferma più l'inarrestabile corsa di questo strepitoso Amkar, per la prima volta nella sua storia secondo in classifica, ad un solo punto dal Rubin capolista. Merito anche e soprattutto del nuovo e giovane tecnico Miodrag Bozovic, detto 'il Conte' per la sua eleganza nei modi e nello stile, che ha ripreso alla grande l'eccellente lavoro svolto da Rashid Rakhimov nell'ultimo anno e mezzo, confermando in blocco l'intera rosa e migliorandola con giocatori che sono andati a completare la stessa. E' probabile che la formazione degli Urali subirà un calo presto o tardi, ma questo meraviglioso girone d'andata non verrà dimenticato molto facilmente da quelle parti, ne siamo certi.


Spartak Mosca - CSKA Mosca 1-5: 69' Bazhenov; 15', 34' e 44' Vagner Love, 51' Krasic, 77' Caner Erkin.
Emozioni dovevano essere ed emozioni sono state al Luzhniki Stadion di Mosca, dove quanto accaduto sabato pomeriggio è destinato ad entrare di diritto nella storia del calcio russo. Ha sette vite questo Gazzaev, che prima di lascione il 'suo' CSKA avrà pensato bene di mettere la firma su un'altra roboante impresa della sua squadra, che è tornata 'Armata' per un giorno.Questa volta o sarebbe il caso di dire, "per l'ennesima volta", è la principale rivale degli ultimi anni, l'odiato Spartak Mosca a dover piangere, umiliato, rullato, annientato, asfaltato e costretto ad una delle più pesanti sconfitte della sua gloriosa storia. Il 5-1 rifilato dagli 'Armetsy' alla squadra moscovita più tifata sarà davvero difficile da dimenticare, metabolizzare ed assorbire.
La mossa geniale di Gazzaev è nell'undici iniziale: (definitivamente?) accantonato il 3-4-1-2 che tante soddisfazioni gli ha dato in queste ultimi stagioni, ha disposto i suoi ragazzi con un più equilibrato 4-4-1-1, con il nigeriano Odiah libero di sganciarsi sulla destra, sovrapponendosi con Krasic, con il lituano Semberas ed a sorpresa il giovane russo Mamaev in mezzo al campo, con ovviamente l'imprescindibile Zhirkov a presiedere la corsia mancina. L'uomo che deciderà la gara con la propria posizione in campo sarà però un altro, un conterraneo del baffuto allenatore, nonchè il più giovane dei ventidue presenti in campo: Dzagoev, geniale trequartista classe 1990, grande promessa del calcio russo, già messosi in mostra in questo campionato. In attacco il solo Vagner Love, autore di una fantastica tripletta, la terza per lui in Russia. Obbligate invece le scelte per l'altro allenatore, Cherchesov, che deve fare a meno di Andrey Ivanov, Pavlenko, Maidana e Welliton; in avanti spazio al trio composto da Bystrov, Titov e Kalinichenko dietro all'attesissimo Pavlyuchenko.
Il CSKA, sospinto dai propri ragazzini parte meglio e mette in chiaro sin dall'inizio di voler menare le danze. Lo Spartak è chiuso nella propria metà campo e solo grazie a qualche sortita di Bystrov riesce a respirare. Lo Spartak infatti capitola dopo 15' di gioco,quando Vagner Love è abilissimo a girare alle spalle di Pletikosa una punizione procurata e battuta dal frizzante Dzagoev. E' dall'esterno del piedino morbido e vellutato dell'appena diciottenne trequarstista caucasico che al 33' parte un cross preciso sul quale svetta addirittura Vagner Love in anticipo su un frastornatissimo Radoslav Kovac. Lo Spartak appare incapace di reagire ed il CSKA lo punisce ancora sul finire della prima frazione di gioco con un gol bellissimo, nato da un'azione da manuale del calcio, un prolungato scambio di prima tra Krasic e Vagner Love, con quest'ultimo che batte l'estremo difensore avversario per la terza volta in meno di 45'. Partita già chiusa nella ripresa, con lo Spartak che rientra in campo tra i fischi assordanti dei suoi numerosi sostenitori, che addirittura dopo lo 0-4 di Krasic si voltano dalla parte opposta del campo, stufi di vedere un simile massacro. Serve a poco il bel gol messo a segno dal subentrato Bazhenov, anche perchè il 19enne turco Caner Erkin rende il passivo ancora più pesante trasformando un calcio di punizione, sul quale non sono poche le responsabilità di Pletikosa. Giornata da dimentica, per il portiere della nazionale croata e per tutto lo Spartak.


Shinnik Yaroslavl - Krylya Sovetov Samara 0-0
Il pareggio era il risultato più scontato e pareggio si è puntualmente verificato, nonostante a rendersi più pericolosi siano stati i padroni di casa, anche grazie al gigante ceco Koller, al debuto con la maglia del Krylya Sovetov. Esordio nello Shinnik anche per i nuovi acquisti Oleksic, Vjestica e Yashin.


Tom Tomsk - Spartak Nalchik 1-0: 90'+3 Skoblyakov.
Vittoria importantissima per il Tom, arrivata in un momento di grande difficoltà per il club siberiano, dopo il pesante 5-1 subito dallo Zenit nel week-end scorso. Non si può dire che la Dea Bendata non abbia assistito Klimov e compagni: la rete che ha deciso l'incontro è infatti arrivata proprio all'ultimo secondo, favorita da un clamoroso errore di Khomich, ex portiere dell'Under-21 russa in prestito dallo Spartak Mosca, che tanto bene aveva fatto nei precedenti incontri.


Dinamo Mosca - Lokomotiv Mosca 4-2: 13' Kerzhakov, 60' Khokhlov, 66' Semshov, 69' Klimavicius; 48' Odemwingie, 90'+2 Bilyaletdinov.
Anche nell'altro sentitissimo derby di Mosca che il tredicesimo turno ci proponeva, non sono mancate le sorprese nelle formazioni iniziali: a cominciare dal debutto in Premier Liga del baby terzino destro Chicerin, appena 17enne, dell'impiego del poco utilizzato Karpovich a centrocampo e della coppia di centrali davanti alla difesa della Loko, composta dall'argentino Pereyra e dal 21enne Glushakov. La partita si apre nel segno di Kerzhakov: il ritrovato (?) ex bomber dello Zenit prima colpisce la parte superiore della traversa con un bello stacco di testa su cross di Danny, poi supera Pelizzoli con un malizioso tocco in scivolata di punta/esterno, sempre su servizio del fantasista portoghese. I Ferrovieri sono bravi a non subire il colpo, attaccano, sprecano e trovano il pareggio in apertura di secondo tempo con Odemwingie. Ma poi, dopo aver subito il 2-1 ad opera di Khokhlov (gran botta da fuori area, la sua specialità), inspiegabilmente crollano, prendendone altri due in meno di 5 minuti. Una regressione impressionante quella di una squadra che, se continua così, rischia di ripetere l'incolore stagione precedente. Il gol conclusivo di Bilyaletdinov è buono soltanto per le statistiche del trequartista della 'Sbornaya' che, grazie ai rigori, sta viaggiando ai ritmi realizzativi del 2005, la sua migliore annata. Convincente e concreta la formazione di Kobelev, oggi trascinata da un Kerzhakov che, nonostante qualche chiletto di troppo ancora da smaltire, ha praticamente vinto la partita da solo, realizzando la rete che ha aperto l'incontro, siglando un assist e rendendosi decisivo nell'azione che ha portato al gol del 2-1.


FC Mosca - Terek Grozny 0-0
L'FC Mosca di Blokhin, nonostante i numerosi nuovi arrivi, continua a pareggiare, a non entusiasmare e soprattutto a segnare poco o nulla. Il Terek ringrazia e conquista un buon punto fuori casa e ne approfitta per far debuttare i rumeni Florentin Petre e Margaritescu, più il nazionale bielorusso Omeljanchuk.


Khimki - Zenit San Pietroburgo 1-4: 81' Blatnjak; 28' Zyryanov, 31' Anyukov, 89' Fayzulin, '90+2 Arshavin.
Dopo l'inaspettato passo falso maturato in casa contro lo Spartak Nalchik, servivano i tre punti allo Zenit e sono arrivati. Dopo 20 minuti difficoltosi, la rete di Zyryanov ha facilitato il compito alla formazione Campione di Russia, che ha trovato l'immediato raddoppio grazie ad un gol 'alla Arshavin' di Anyukov. Come spesso le succede però, la squadra di San Pietroburgo ha trascorso gran parte della ripresa a giochicchiare, sprecando diverse palle gol e venendo punita a 10' dal termine, a causa di un gran tiro al volo del bosniaco Blatnjak, al terzo centro in campionato. Ma paradossalmente la baldenza del Khimki si è esaurita dopo il gol che poteva riaprire la partita e così nei minuti finali lo Zenit ha dilagato, prima grazie ad un gol tecnicamente straordinario di Fayzulin, poi con Arshavin. Una rete che i 'Meshki' faranno bene a non dimenticare perchè, chissà, potrebbe essere anche l'ultima di Shava con la maglia dello Zenit.


Rubin Kazan - Saturn 0-0
Termina 0-0 anche l'ultimo match della 13^ Giornata, quello che vedeva opposte a Kazan la capolista Rubin ed il Saturn impegnato nel week-end in Intertoto. Nonostante i padroni di casa avessero il pallino del gioco, a rendersi più volte pericolosi sono stati gli ospiti che hanno sfiorato un limpido vantaggio in almeno tre occasioni (prima con un tiro di Nemov deviato a lato da un difensore tartaro, poi con una bella conclusione di sinistro al volo di Topic ben respinta dal portiere Ryzhikov ed infine con un tiro da posizione defilata del camerunense Angbwa uscito di un soffio). Ottima partita per il brasiliano Zelão (che tutte le volte che l'ho visto mi è sembrato un difensore centrale più che valido) e per Eremenko, anche se nel finale non aveva più benzina. Non pervenuto Kirichenko, troppo confusionario Topic. Nel Rubin, invece, oltre a Semak, positiva la prova di Noboa (schierato proprio al fianco del capitano della 'Sbornaya', al posto dello squalificato Sibaya) e dei terzini Ansaldi e Kvirkvelia, che si confermano ancora una volta molto portati a spingere.



RECUPERO 10^ GIORNATA

Luch-Energia Vladivostok - Zenit San Pietroburgo 0-0
C'è poco da dire sul secondo dei cinque recuperi di campionato che lo Zenit dovrà giocare in questo intensissimo luglio. Non si possono trarre valutazioni e considerazioni dopo una gara giocata su un campo già pessimo di suo, diventato semplicemente impraticabile a causa del dilivuio che si è abbattuto a Vladivostok e che ha difatto rovinato una partita che poteva promettere maggiori emozioni.


RECUPERO 11^ GIORNATA

Amkar Perm - CSKA Mosca 3-3: 35' S. Volkov, 48' Dujmovic, 73' Peev; 23' Vagner Love, 65' e 69' Krasic.
Non si può dire che non abbiano divertito il pubblico di Perm Amkar e CSKA, visto il 3-3 finale e le tante occasioni sciupate da ambo le parti. A passare in vantaggio sono stati gli ospiti con Vagner Love, caricato a mille dopo la tripletta nel derby vinto per 5-1 in casa dello Spartak. I rossoneri degli Urali hanno pareggiato subito i conti grazie al primo centro in campionato dell'attaccante Sergey Volkov, abile a sfruttare il primo errore di stagionale di Akinfeev. Nella ripresa è arrivato il 2-1 di Dujmovic, ma tra il 65' ed il 69' è salito però in cattedra il serbo Krasic, autore della doppietta che porta in momentaneo vantaggio i moscoviti. L'Amkar però è duro a morire e pareggia definitivamente al 74' con il bulgaro Peev.


VIDEO GOL 13^ GIORNATA:





CLASSIFICA:
1. Rubin 27 (13)
2. Amkar 26 (13)
3. Dinamo 24 (13)
4. Spartak Mosca 20 (13)
5. Spartak Nalchik 19 (13)
6. CSKA 19 (12)
7. Lokomotiv 19 (12)
8. Krylya Sovetov 18 (13)
9. Terek 16 (12)
10. Tom 15 (13)
11. Zenit 14 (10)
12. Saturn 14 (13)
13. FC Mosca 13 (13)
14. Shinnik 10 (13)
15. Luch-Energia 9 (13)
16. Khimki 8 (13)


CLASSIFICA 'BOMBARDIERI':
7 reti: Nizamutdinov (Khimki).
6 reti: Welliton (Spartak Mosca); Vagner Love (CSKA); Bilyaletdinov (Lokomotiv, 4 rigori).
5 reti: Gökdeniz Karadeniz (Rubin); Kushev (Amkar); Odemwingie (Lokomotiv).

5 commenti:

Silvio Di Fede ha detto...

Devo dire che finora Sky ha beccato partite sempre abbastanza divertenti... Il secondo tempo di Dinamo-Lokomotiv è stato davvero emozionante, specialmente nei primi 25 minuti che sono stati pieni di occasioni e di gol...

Una curiosità: nella programmazione di Sky non vedo nessuna partita di Russian Premier League per la giornata di domenica... Sai se è un vuoto momentaneo o proprio non verrà proposto alcun match?

Un saluto,
Silvio.

Danny dynamo ha detto...

silvio, ipotizzando, potrebbe essere che Sky abbia i diritti per due partite di sabato, magari Loko-Spartak e Zenit-Amkar.

Kerzhakov 91 ha detto...

Effettivamente sembra che per questa settimana SKY trasmetterà un solo match, il derby tra Lokomotiv e Spartak, le due grandi sconfitte della scorsa settimana.

PS: mal che vada, potrete vedere l'altro derby in programma in questa 14^ giornata, CSKA-FC Mosca, sul canale russo Perkiv Kanal, che trovate sulla lista degli altri canali di SKY con la denominazione CH 1 RUS ORTi ;)

Zenit-Amkar la potrete vedere invece via streaming.

Vojvoda ha detto...

Ciao Kerzha,spulciando in internet per vedere se ci fosse qualche possibilità di vedere qualche gara di intertoto in diretta sono finito su Live tv,un sito russo che propone tutta una serie di programmi sportivi e di canali su cui vederli...Ragguagliami un pò per favore!Grazie,ciao:-)

Kerzhakov 91 ha detto...

Sì, livetv.ru è il miglior sito web sportivo per vedere le partite via streaming. Ovviamente io lo utilizzo per le partite del campionato russo oppure per quelle che mi interessano ma che non sono trasmesse dai canali di SKY. Ti consiglio di scaricarti prima di tutto il programmino SopCast, il più affidabile per vedere le partite ;)