sabato 2 agosto 2008

QUINDICESIMA GIORNATA (ULTIMA DI RITORNO): le altre partite

Perdonate il ritardo con il quale ho pubblicato questo post, ma purtroppo - come vi avevo già accennato - non è facile di questi tempi trovare in giro per il web i gol del campionato russo che ovviamente mi servono per la composizione dell'ormai tradizionale video.

[in blu i nuovi acquisti]


Khimki - Spartak Nalchik 2-0: 21' Soava rigore, 53' Pylypchuk.

Khimki (4-5-1): Berezovskiy; Jovanovic, An. Stepanov, Danielson, F. Kudryashov (dal 46' Nizamutdinov); Dineev (dal 74' Nikiforov), Sabitov, Rebeja, Soava, Pylypchuk; Jakubko.
Spartak Nalchik (4-4-2): Khomich; Yatchenko, Djudovic, Amisulashvili, Kiselkov; Samsonov (dal 78' Frunza), Mashukov, Geteriev, Gogua; Kalimullin (dal 72' Dzakhimishev), Siradze (dal 57' Felipe Almeida).

Nell'anticipo di venerdì, importantissima vittoria per il Khimki (la prima per il nuovo tecnico Yuran, appena la seconda per il club della periferia di Mosca in questo campionato), che batte 2-0 lo Spartak Nalchik e sale a quota 11 punti, raggiungendo lo Shinnik. A segno il rumeno Soava su calcio di rigore procurato dallo slovacco Jakubko, steso in area dal difensore montenegrino Djudovic, espulso dopo questo fallo per doppia ammonizione e l'ex più atteso, l'ucraino Pylypchuk, che fece grandi cose a Nalchik nelle sue ultime tre stagioni.


Amkar Perm - Tom Tomsk 0-0

Amkar (4-4-2): Narubin; Sirakov, A. Popov (dall'83' Cherenchinkov), Belorukov, Gaal; Peev, Dujmovic, Drincic, Grishin (dal 73' Starkov); S. Volkov (dal 69' Sikimic), Kushev.
Tom (4-5-1): Mandrykin; Catinsus, Jokic, Vejic, Stoica; Klimov (dal 66' Kontsedalov), Michkov, Tarasov (dal 77' Maznov), Kharitonov, Skoblyakov; Shirko (dal 46' Arkhipov).

0-0 con poche emozioni tra Amkar e Tom. Deludono un pò i rossoneri degli Urali, che vincendo potevano raggiungere il Rubin al primo posto in classifica al giro di boa. Ed invece sono stati raggiunti dalla Dinamo Mosca, a quota 27 punti, due in meno rispetto ai tartari.


FC Mosca - Lokomotiv Mosca 0-3: 8' e 55' Odemwingie, 32' Glushakov.

FC Mosca (4-4-1-1): Zhevnov; V. Kaleshin, Jop, Godunok, Kuzmin; Samedov (dal 58' Chizek), S. Ivanov, Rebko (dal 56' Krunic), Cesnauskis; Ricardo Baiano (dal 46' Bracamonte); Maxi Lopez.
Lokomotiv (4-2-3-1): Pelizzoli; Yanbaev, Spahic, Rodolfo, Fininho; Gurenko, Glushakov; Cocis, Torbinskiy (dal 65' G. Pereyra), Bilyaletdinov; Odemwingie (dal 70' Minchenkov).

Primo derby a vuoto per i Cittadini che, alla prima in casa contro una concittadina, cedono di schianto e senza mai impensierire gli avversari. Ottima la settimana di Rakhimov, uscito complessivamente con 4 punti dal Petrovskiy e dallo Streltsov. Considerando le frenate di Rubin, Amkar e CSKA e la battuta d'arresto dello Zenit, c'è da essere ottimisti e lavorare sugli errori che hanno tenuto la Loko lontana dalla vetta del campionato al contrario, per esempio, da un'altra squadra di Mosca, la Dinamo. Protagonista assoluto il 21enne Glushakov, centrocampista già completissimo per la sua età e dal futuro assicurato, autore di un gol di fattura pregevole, oltre che di un assist per il raddoppio di Odemwingie. A proposito dell'attaccante nigeriano, molto in forma in queste ultime giornate, la sua assenza (parteciperà alle Olimpiadi di Pechino come fuoriquota nella selezione nigeriana) sarà molto pesante per i Ferrovieri, considerando anche l'infortunio di Sychev (che comunque non dovrebbe essere grave).


Spartak Mosca - Luch-Energia Vladivostok 3-0: 39' Ra. Kovac, 66' Prudnikov, 89' Mozart rigore.

Spartak Mosca (4-5-1): Pletikosa; Parshvilyuk, Jiranek, Stranzl, Fathi; V. Bystrov, Shishkin (dal 90' Lugachev), Mozart, Ra. Kovac, Prudnikov (dal 90' C. Maidana); Pavlyuchenko.
Luch-Energia (4-4-1-1): M. Cech; Leandro, Novkovic, Damjanovic, Akés da Costa; Streltsov (dal 71' Chernogaev), Vujovic, Lukacevic (dall'85' Alves), Dantsev (dal 56' E. Kuznetsov); Bulyga; I. Shevchenko.

Pur senza entusiasmare (anzi...), lo Spartak Mosca batte 3-0 il Luch-Energia grazie alle reti di Radoslav Kovac (colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Shishkin), del giovane attaccante Prudnikov e di Mozart su calcio di rigore. Lo Spartak ad inizio ripresa aveva fallito un altro penalty (peraltro inesistente) procurato da una simulazione di Bystrov ma calciato a lato da Pavlyuchenko. Nel recupero, tra le file dello Spartak c'è stato il debutto del 19enne Lugachev, centrocampista titolare nella nazionale ucraina U-21, ed il ritorno in campo dopo l'infortunio dell'esterno argentino Maidana.
Biancorossi che dunque raggiunge i cugini della Lokomotiv al quarto posto, a quota 24 punti.


Shinnik Yaroslavl - Terek Grozny 1-1: 82' Khazov; 26' Kulik.

Shinnik (5-4-1): Pesjakov; Oleksic, Vjestica, S. Djordjevic, Bruno Basto, Semochko; Boyarintsev, Bochkov (dal 73' Monarev), Buznikin (dal 58' D. Kudryashov), Yashin (dal 46' Khazov); Lazarov.
Terek (4-4-2): Lika; Omeljanchuk, Zabavnik, Romanovich, V. Iliev; F. Petre, Essamé (dal 46' Vlasov), Margaritescu, Kulik; Kuzmichev, Pancu (dal 68' Serdyukov).

Termina 1-1 l'ultima partita di domenica, Shinnik-Terek. Ceceni subito in vantaggio con il centrocampista Kulik, abile a sfruttare un'avventata uscita di Pesjakov, terzo portiere della squadra dell'Anello d'Oro a sorpresa schierato in campo. Pareggio finale dello Shinnik con Khazov all'82'. Da segnalare il debutto dell'ex promessa dello Zenit, Oleg Vlasov, tra le file della squadra di Grozny.


Krylya Sovetov Samara - Saturn 4-0: 10' Bober, 41' e 52' Savin, 89' Kovba.

Krylya Sovetov (3-4-1-2): Lobos; Oh Bum-Seok, Belozerov, Leilton; Escobar (dall'82' Budylin), Jarosik, R. Adjindjal, Bober; O. Ivanov (dal 71' Kovba); Savin (dal 64' Tikhonov), Koller.
Saturn (4-4-2): Kinsky; Angbwa, Zelão, Husin, Evseev; Al. Ivanov, Igonin, Nemov (81' V. Yurchenko), Karyaka (dal 69' A. Eremenko); Topic, Kirichenko (dal 62' Kovel).

Un Krylya Sovetov affamato di vittoria dopo tanti pareggi consecutivi travolge un Saturn stanco, stravolto e distrutto dalla bruciante eliminazione nel terzo turno di Intertoto, giunta negli ultimi 10 minuti del secondo tempo supplementare contro i tedeschi dello Stoccarda di uno scatenato Marica. Sorride invece la squadra del Volga che si ritrova al sesto posto, ma a tre sole lunghezze dalla coppia Amkar-Dinamo che occupa la seconda piazza. Gli uomini di Slutskiy sono tra l'altro la formazione che, ancor più di CSKA e Zenit, hanno raccolto meno rispetto a quanto seminato: almeno secondo chi vi scrive, il Krylya Sovetov è stata la miglior formazione del girone d'andata dopo Rubin e Dinamo. Se Savin (l'acquisto di Koller lo vedo più come uno stimolo a far meglio per l'ex Amkar) iniziasse a segnare con una certa regolarità, allora le Ali di Samara potrebbero regalarsi diverse soddisfazioni nel girone di ritorno...


RECUPERO OTTAVA GIORNATA:

CSKA Mosca - Zenit San Pietroburgo 0-0

CSKA (4-4-1-1): Akinfeev; Odiah, Ignashevich, Grigorjev, A. Berezutskiy; Krasic, Rahimic, Dudu Cearense (dal 66' Ricardo Jésus), Caner Erkin (dal 65' Mamaev); Dzagoev; Vagner Love.
Zenit (4-3-2-1): Malafeev; Anyukov, Shirokov, Krizanac, Sirl; Denisov, Tymoschuk, Zyryanov; Fayzulin, Arshavin; Dominguez (dal 53' Hubocan).

Un punto che serve molto poco sia a CSKA che a Zenit. Negli spogliatoi saranno indubbiamente più soddisfatti però i giocatori di Advocaat, in 10 uomini per gran parte della ripresa per l'espulsione di Krizanac fino al doppio cartellino giallo del 18enne Dzagoev, talento sì geniale ma ancora un pò troppo irruento (il secondo giallo se l'è comunque preso per una simulazione nell'area di rigore dello Zenit). Paradossalmente, proprio quando era con l'uomo in meno, lo Zenit ha sfiorato più volte il gol, in particolare con un inserimento in mezzo all'area di Fayzulin su assist di Arshavin ed una botta da fuori area di Sirl ben respinta da Akinfeev. Meno bene il collega di quest'ultimo, Malafeev, che non è riuscito a trattenere due conclusioni neanche troppo insidiose di Dudu ed Odiah. Molto deludente Arshavin, molto probabilmente con la testa altrove. Sono pochi a salvarsi nello Zenit (i 'soliti' Tymoschuk, Anyukov e Sirl più Denisov ed in parte Fayzulin nella ripresa), giunto in questa fase della stagione con gran parte dei giocatori titolari a corto di fiato. Si fa sempre più sentire l'assenza di Pogrebnyak, l'unico in grado di garantire un pò di peso al reparto offensivo: considerando il fatto che il centravanti della nazionale russa rientrerà soltanto a settembre da un infortunio tra l'altro molto lungo, è auspicabile che la dirigenza si muova in questo senso sul mercato per trovare un sostituto all'altezza. Fatih Tekke da solo non basta (non tanto per il valore del giocatore, quanto per il suo scarso feeling con il gol in Russia), i vari Arshavin, Dominguez e Fayzulin sono tutte mezzepunte che devono partire da dietro. Sempre più anarchico nei suoi talenti offensivi, il CSKA di Gazzaev: manovra confusionaria e tutta nelle mani (o meglio, nei piedi!) dei singoli, ma c'è da dire che non sta certo mancando la sfortuna a Vagner e compagni, che dopo i due legni centrati contro il Rubin non riescono a segnare neanche in questa gara nella quale si sono resi pericolosi numerose volte, meritando forse qualcosina in più rispetto agli avversari.
Nel complesso, tenendo in considerazione soprattutto il livello delle due compagini in campo, è stata una partita che ha un pò deluso: nonostante il risultato finale ci sono state tante occasioni, ma allo stesso tempo troppi errori di precisione, dettati dalla frettolosità dei ventidue in campo oltre che dal clima piovoso che non ha di certo facilitato il compito di CSKA e Zenit.


Ecco il mio tradizionale video con tutti i gol della 15^ giornata (eccetto Krylya Sovetov-Saturn 4-0):





CLASSIFICA:

1. Rubin 29 (15)
2. Dinamo 27 (15)
3. Amkar 27 (15)
4. Lokomotiv 24 (15)
5. Spartak Mosca 24 (15)
6. Krylya Sovetov 22 (15)
7. CSKA 21 (15)
8. Spartak Nalchik 20 (15)
9. Tom 19 (15)
10. Zenit 19 (14)
11. Terek 18 (14)
12. Saturn 17 (15)
13. FC Mosca 16 (15)
14. Luch-Energia 12 (15)
15. Khimki 11 (15)
16. Shinnik 11 (15)


CLASSIFICA 'BOMBARDIERI':

7 reti: Bilyaletdinov (4 rigori) e Odewmingie (Lokomotiv), Nizamutdinov (Khimki).
6 reti: Welliton (Spartak Mosca), Vagner Love (CSKA), Topic (Saturn).
5 reti: Gokdeniz Karadeniz (Rubin), Kushev (Amkar), Pavlyuchenko (Spartak Mosca, 2 rigori), Savin (Krylya Sovetov).


TOP 11 del girone di andata:

Pletikosa (Spartak Mosca);
Anyukov (Zenit), A. Popov (Amkar), Kolodin (Dinamo), Zhirkov (CSKA);
Tymoschuk (Zenit), Semak (Rubin);
Gokdeniz Karadeniz (Rubin), Danny (Dinamo), Bilyaletdinov (Lokomotiv);

Nizamutdinov (Khimki).

MIGLIOR GIOCATORE del girone di andata: Yuri Zhirkov (CSKA).

4 commenti:

Vojvoda ha detto...

Ciao.
Ho letto su un giornale sportivo romeno,una notizia invero curiosa.
Il match domenicale tra Shinnik e Terek avrebbe suscitato un polverone in quanto i dirigenti della compagine di Yaroslavl hanno accusato l'arbitro,
Sig. Igor Zajarov, di aver officiato la gara in stato confusionale,più precisamente in stato di ebbrezza.
Tutto ciò è motivato dal semplice fatto che l'arbitro in questione ha estratto 10 cartellini gialli durante tutto lo svolgimento della partita.
La cosa grave però è che alla fine del match, sembra che gli stessi dirigenti gli abbiano proposto(o forse meglio dire,intimato)di sottoporsi al test alcolemico e che egli si sia rifiutato adducendo il motivo che lo strumento non era omologato...
Gli stessi battaglieri dirigenti avrebbero insistito nuovamente, mostrando la documentazione necessaria che ne attestava l'omologazione e così soddisfacendo l'arbitro, affinchè lo stesso potesse esaudire i loro scopi.
Egli rifiutava una seconda volta.
A questo punto ti chiedo se puoi delucidarmi su questa estemporanea notizia e poi ti domando se è lecito che i dirigenti di una squadra,quindi parte in causa, possano prendere tali iniziative individualmente e sommariamente, compiendo azioni e pressioni palesemente illegali.
Azioni non supportate da norme in proposito che regolino eventuali casistiche in situazioni del genere.
Si dovrebbe mettere in atto una procedura "seduta stante", ma disciplinata da norme che prevedano sia il commissario dell'incontro(quindi un ufficiale di gara della federazione)a predisporre le azioni giuridiche per l'utilizzo dello strumento atto a stabilire il grado di integrità psico-fisica del fischietto di gara.
E' pur vero che qualche settimana fa girò in tv l'immagine di un arbitro bielorusso,Sergei Shmolik(oltretutto un fischietto internazionale),che arbitrando una partita del torneo interno ritornò in campo per la ripresa completamente ubriaco,venendo portato fuori in pateticamente da un delegato alla gara.
Per la cronaca,Shmolik è stato squalificato a vita.
Punizioni esemplari,esattamente come in...Italia...;-)......!
Non vorrei che questo caso bielorusso, piuttosto unico a memoria calcistica personale, abbia creato un precedente e che adesso i dirigenti delle squadre potenzialmente(o a parer loro) danneggiate dalla direzione di gara vogliano farsi una sorta di personale giustizia che tocchì il tasto più delicato,quello psicologico,umiliando i fischietti e avvilendoli nella loro professionalità.
Una sorta di squallida rivincita nei confronti dell'ipotetico reo di turno.
Ciao;-)

Vojvoda ha detto...

Errata corrige:tra...fuori e...pateticamente c'è un"in" di troppo...
Volevo scrivere..."in modo patetico"...,poi ho corretto,scrivendo "pateticamente" ma è rimasta la preposizione IN...
Succede,ciao di nuovo...!

Kerzhakov 91 ha detto...

La mia idea è che si tratta di una grandissima e colossale montatura, anche un pò 'forzata', oltre che molto poco credibile. E' per questo che la penso assolutamente come te.
Lo Shinnik in questa stagione ha sempre da ridire sugli arbitri, anche quando arbitrano bene...vero che sono stati penalizzati tantissimo (penso ad uno Spartak Mosca-Shinnik 4-2 di inizio maggio, con una direzione di gara realmente indegna), ma sarebbe molto meglio se pensassero maggiormente a risolvere problemi creati da loro, invece che 'inventarsi' di sana pianta queste cavolate.

Detto questo, Zayarov è un arbitro piuttosto contestato in Russia: è bravo ma ha un modo di fare che personalmente non mi è mai piaciuto. Però, da qui a dire che sia un ubriacone ce ne passa...anche perchè a vederlo così non si direbbe proprio il tipo!

Kerzhakov 91 ha detto...

Questo comunque è l'arbitro in questione: http://www.youtube.com/watch?v=GSRmjyLOsQQ