sabato 1 novembre 2008

VENTISETTESIMA GIORNATA: CSKA Mosca - Spartak Mosca 0-1


Rete: 56' Bazhenov.

Colpo di scena al Luzhniki: lo Spartak di Laudrup, dato da tutti per spacciato in partenza, vince per 1-0 in casa della squadra più in forma del campionato, il CSKA di Gazzaev, chiudendo definitivamente la lotta per il titolo, che potrebbe essere conquistato dal Rubin già nella giornata di domani: ai Tartari basterà infatti una vittoria sul campo del Saturn per laurearsi per la prima volta nella sua storia Campione di Russia!
Dinanzi ad un Luzhinki (finalmente!) quasi gremito, è andato di scena un derby non eccezionale e per certi versi 'strano', considerando che i padroni di casa l'hanno dominato senza troppe complicazioni fino al gol vittoria di Bazhenov, sciupando diverse opportunità di portarsi in vantaggio però davanti. Quel che risulta più inconcepibile però è la pessima reazione avuta dal CSKA una volta passato in svantaggio, che non ha portato a nulla di buono: la manovra con il passare dei minuti si è spenta, il clima in campo si è acceso ed i giocatori si sono innervositi oltremodo (vedi la folle espulsione per proteste prolungate di Zhirkov) anzichè pensare a rimediare una sconfitta inaspettata contro un avversario di caratura inferiore, che oggi ha giocato da provinciale, con ordine, impegno, sacrificio e con anche una buona dose di fortuna che non guasta mai. Certo, il gioco continua a latitare ed allo stato attuale lo Spartak di Laudrup è una formazione che non può fare paura, non potendo al momento contare neanche su particolari individualità in grado di fare la differenza in fase offensiva.

POST DA TERMINARE

5 commenti:

Vojvoda ha detto...

Ho visto la gara.Davvero troppo poco consistente lo Spartak davanti.Stavolta la ciambella è uscita col buco,ma per acchiappare il terzo posto utile alla Champions dovrà dare fondo alle residue scorte di fortuna nelle ultime 3 gare.
Molto bene in ogni caso Kovac,in qualità di diga difensiva e bene anche Clemente Rodriguez e Bystrov.
Dopo lo Zenit,anche quest'anno lo scudetto uscirà da Mosca.
E' un bene per il calcio russo questa diffusione di titoli su tutto il territorio che aiuteranno la crescita definitiva del movimento.
Chissà se l'anno prossimo finirà a Samara o Perm,al momento le più accreditate tra le città al di fuori di Mosca per provare a fregiarsi del titolo.
Bella lotta per il terzo posto,bisognerà vedere chi la spunterà.
Ciao-)

Kerzhakov 91 ha detto...

Dissento categoricamente su Bystrov, se non fosse stato per l'assist il suo voto in pagella sarebbe stato un 4,5 od un 5 per essere generosi. Mi dispiace dirlo, ma il Bystrov attuale è un'ala destra normalissima, che ha nella velocità la sua unica dote. Anche oggi, Alexey Berezutskiy l'ha sempre fermato. Davvero tutto un altro giocatore quest'anno il numero 23 ex Zenit. Per il bene del calcio russo e dello Spartak Mosca spero che si riprenda al più presto.

Il prossimo anno, con il rinnovato Spartak, con lo Zenit allenato da Advocaat che ha deciso di rimanere proprio per puntare al titolo, con il CSKA che verrà rinforzato con 2-3 per puntellare bene la rosa, con una Lokomotiv si spera finalmente competitiva e con la Dinamo pronta al definitivo salto di qualità, il titolo per me lo vincerà una grande del calcio russo. Come possibile sorpresa, anche se è naturalmente troppo presto, punterei qualcosina sul Saturn, che a mio parere con un centravanti degno di tale nome davanti avrebbe una gran bella squadra (che non a caso l'anno scorso arrivò quinta). Il Krylya Sovetov per il momento la vedo una formazione da Coppa UEFA, l'Amkar invece dubito che ripeterà nella sua storia una stagione del genere (c'è da dire però che scrissi lo stesso l'anno scorso al termine del campionato ed invece, pur con il cambio di panchina, sono stati in grado addirittura di migliorarsi...). Attenzione poi al Kuban neopromosso, la squadra caucasica al momento più ricca ed ambiziosa, e soprattutto - se non retrocede - al Khimki.

Kerzhakov 91 ha detto...

Tornando allo Spartak, è una squadra al momento senza nè capo nè coda, non mi dice veramente nulla, mediocre in tutte le fasi del gioco (anche dietro: parliamoci chiaro, se il CSKA oggi non avesse fatto un pò lo Zenit della situazione, la partita l'avrebbe vinta senza troppi patemi). Vederla al quarto posto a pari punti con lo Zenit (!!!) considerando la terribile stagione dei rossobianchi mi fa pensare, direi che ci sono almeno 6-7 squadre meritevoli di stare davanti allo Spartak.

giulio ha detto...

Questo risultato inaspettato consegna di fatto il campionato al Rubin. Sono perfettamente daccordo con vojvoda quando dice che la diffusione di titoli su tutto il territorio aiuterà la definitiva crescita del movimento.
Per quel che riguarda il campionato che verrà sinceramente non mi aspetto grosse sorprese: Zenit e CSKA sono per organizzazione di gioco e qualità dei singoli (Arshavin, Danny, Zirkov) nettamente le migliori.
Naturalmente i pronostici fatti oggi sul prossimo campionato andranno poi corretti con l'evolversi della campagna acquisti.

JAT 64 ha detto...

A me lo Spartak non mi è sembrato poi cosi male.ha giocato in modo razionale con grinta e sfruttando il contropiede contro una squadra sulla carta piu forte.di occasioni ne ha avute di piu ilCSKA, ma ne ha avute anche lo Spartak. A me smbra migliorato a quando è arrivato Laudrup.Il Calcio russo dovrebbe crescere anche grazie all'arrivo di allenatori cme lo stesso Laudrup,Rober,Nepomniachy ecc.