giovedì 11 dicembre 2008

Khimki quasi salvo, Sarsaniya verso il sì



Il Khimki Moscow Region vede la salvezza. La squadra della periferia moscovita è vicina ad evitare sicuramente la peggior retrocessione della propria storia, quella dalla Premier Liga alle tenebre dell'interregionale, dopo aver rifiutato la fusione con l'altro club gestito dalla regione moscovita, vale a dire il Saturn di Ramenskoe. Nonostante non sia ufficiale la notizia di nuovi fondi, pare che ormai il peggio possa essere passato, tanto che Kostantin Sarsaniya, gran consigliere dello Zenit che aspira a diventare allenatore, ha dichiarato di essere rimasto aggiornato riguardo la situazione del club, e sarebbe quindi ad un passo dall'accettare la panchina della squadra che sino ad una settimana fa sembrava destinata a scomparire dal calcio professionistico.

3 commenti:

Vojvoda ha detto...

Bene,perché sono completamente contrario alle fusioni tra club.
Si è evitato lo scempio e ci sarà nuova vita per il Khimki.

Kerzhakov 91 ha detto...

Sìsì, quel che è certo è che non vi sarà alcuna fusione: la dirigenza del Khimki, incitata dai suoi tifosi (evidentemente pochi ma molto attaccati alla squadra), aveva già fatto sapere che nel caso in cui non fosse riuscita a trovare nuovi fondi avrebbe preferito ripartire dalle categorie inferiori.

http ha detto...

Sembrava ormai cosa fatta, tutto sommato sono contento per il Khimki, se fossi stato un tifoso avrei preferito anchio ripartire da categorie basse piuttosto che "sparire".