venerdì 6 marzo 2009

PREVIEW SUPERCOPPA DI RUSSIA 2009


Mosca, Luzhniki Stadium, 07-03-2009

SUPERKUBOK ROSSII 2009

Rubin Kazan - CSKA Mosca

Dopo il gustoso antipasto in Coppa UEFA con l'annessa qualificazione di CSKA e Zenit agli Ottavi di Finale, domani ripartirà ufficialmente la stagione calcistica agonistica in Russia con la Supercoppa nazionale, che come da tradizione anticipa di una settimane l'inizio del tanto atteso campionato.
Ad aprire le danze saranno naturalmente le due squadre trionfatrici nei confini russi nel 2008: i Campioni di Russia a sorpresa del Rubin Kazan ed il CSKA Mosca - vincitore dell'ultima Coppa di Russia ai rigori ai danni dell'altra grande rivelazione della scorsa stagione russa, l'Amkar Perm.
Il detentore del trofeo è lo Zenit San Pietroburgo, che nel marzo del 2008 sconfisse la Lokomotiv Mosca per 2-1 grazie alle reti di Andrey Arshavin (in seguito ad un incredibile regalo - che forse alcuni di voi ricorderanno - del portiere Ivan Levenets) e Pavel Pogrebnyak. Si tratta per la prima finale in assoluto nella storia dei Tartari, che mai prima dello scorso novembre avevano vinto un trofeo ufficiale. Ben più abituati a questo genere di partite invece i 'Soldati', che domani disputeranno la loro quinta finale in Supercoppa, facendo di tutto per portarsela a casa per la quarta volta (l'Armata Rossa la vinse già nel 2004, 2006 e 2007).
Entrambe le formazioni si presenteranno a questo importante appuntamento con la rosa praticamente immutata: infatti, nonostante le ambizioni della dirigenza ed i notevoli capitali posseduti dalla stessa, a Kazan sono per il momento arrivati appena quattro giocatori (il difensore centrale spagnolo Cesar Navas, il terzino destro Vitaly Kaleshin, il centrocampista Petr Bystrov e l'esterno offensivo Andrey Gorbanets) e nessuno di questi sembra essere in grado di rinforzare particolarmente la squadra granata. Ancor più immobile sul mercato il CSKA, che necessiterebbe di soli due acquisti ben calibrati (leggasi un rapido difensore centrale da affiancare al lento Ignashevich ed un completo centrocampista centrale) ma che invece continua a prelevare un attaccante dietro l'altro: non contenti dell'arrivo dallo Slavia Praga del promettentissimo centravanti ceco Tomas Necid, i rossoblu hanno già bloccato per giugno l'attaccante del Niger Ouwo Moussa Maazou, 20enne bomber del Lokeren ed attuale capocannoniere della Jupiler League belga. In compenso però non sono partiti i richiestissimi Milos Krasic, Yuri Zhirkov e Vagner Love ed è ritornato alla base il talentuosissimo Daniel Carvalho, apparso molto volonteroso in questa fase pre-stagionale e che intende ritornare al più presto ai fasti di qualche stagione fa. Potrà dargli sicuramente una grossa mano uno degli uomini più attesi nella sfida dello stadio Luzhniki: Arthur Antunes Coimbra, noto più semplicemente come Zico, che ha ereditato la panchina da Valery Gazzaev, il tecnico più vincente nella storia del club. L'ex leggenda del calcio brasiliano si è detto particolarmente colpito dalla bravura di alcuni giovani giocatori locali e non è un caso che - così come José Mourinho nell'Inter con Davide Santon - abbia affidato il ruolo di terzino sinistro titolare ad un 17enne (e quindi coetaneo di chi vi scrive...), Georgy Schennikov, che ben si è comportato nella doppia sfida europea con gli inglesi dell'Aston Villa. Partirà dall'inizio un altro baby-fenomeno del calcio russo, ormai già noto agli appassionati: stiamo naturalmente parlando di Alan Dzagoev, che partirà come al solito qualche metro indietro rispetto al suo 'gemello del gol' Vagner Love. Non sarà della partita Evgeny Aldonin, ancora sofferente della botta subita al Villa Park.
Nessuna defezione tra gli uomini del turkmeno Kurban Berdyev, anche se rimane in dubbio la presenza dal primo minuto del centrocampista ecuadoregno Cristian Tello Noboa. Sarà una gara senz'altro speciale per il grande ex della partita, Sergey Semak, che nel 2004 sollevò questo trofeo come capitano del CSKA Mosca e che potrebbe rialzare la coppa come avversario.
La cabala è sicuramente favorevole ai moscoviti, soprattutto per quanto riguarda i match disputati nella capitale russa dove i tartari nella penultima giornata della scorsa Premier Liga ricevettero quattro violenti schiaffi. Quale occasione migliore di questa per vendicarsi?


RICORDO A VOI TUTTI CHE LA PARTITA SARA' VISIBILE ALLE ORE 12:00 SU PERVIY KANAL, CANALE PRESENTE ANCHE NELLA LISTA DEGLI 'ALTRI PROGRAMMI' DI SKY CON IL NOME DI CH 1 RUS ORTi.


Albo d'oro Supercoppa di Russia:
2003 - Lokomotiv Mosca - CSKA Mosca 1-1 (4-3 d. c. r.): 83' Pimenov; 41' Jarosik.
2004 - CSKA Mosca - Spartak Mosca 3-1 (d. t. s.): 40' Semak, 111' D. Carvalho, 113' Kirichenko; 14' Kalinichenko.
2005 - Lokomotiv Mosca - Terek Grozny 1-0: 74' Loskov rigore.
2006 - CSKA Mosca - Spartak Mosca 3-2: 42' Zhirkov, 73' Odiah, 83' Jo; 22' Titov, 47' Mozart.
2007 - CSKA Mosca - Spartak Mosca 4-2: 1' Vagner Love, 51' Ignashevich, 63' e 79' Jo; 47' Bazhenov, 61' Torbinskiy.
2008 - Zenit San Pietroburgo - Lokomotiv Mosca 2-1: 34' Arshavin, 82' Pogrebnyak; 69' Rodolfo.
2009- ?

E' curioso che a vincere sia SEMPRE stata la squadra che aveva conquistato il titolo di Campione di Russia.

2 commenti:

giulio ha detto...

non c'è solo la cabala a favore dei moscoviti. Anche se l'ultimo campionato ha visto trionfare i tartari, resto dell'idea che questo CSKA è nettamente superiore al Rubin.

tapulone ha detto...

...CSKA favorito, e infatti ha vinto, anche se non ho visto la partita e non so se abbia meritato. esulando dalla supercoppa, posso chiedere se hai notizie a riguardo della possibile candidatura da parte della Russia per ospitare i mondiali di calcio del 2018 o 2022?