sabato 8 agosto 2009

PREVIEW 17ª Giornata RPL 2009

Dopo un turno assolutamente inusuale per gli standard russi, con sei squadre tra le prime sette capaci di raccogliere i tre punti, il Campionato Russo vive una giornata senza match da tutto esaurito, ma non per questo privi di interesse ai fini degli equilibri in classifica. Abbiamo passato la metà del torneo e molte squadre inoltre presentano in campo i nuovi acquisti del mercato estivo, apertosi il 1° Agosto scorso.Gare insidiose per più di una favorita alla vittoria finale;tutte sono obbligate a non perdere punti in queste prime battute del girone di ritorno.Da seguire anche la lotta per non retrocedere,che purtroppo però pare ristretta al massimo a tre squadre e rischia di risolversi di qui a breve. Esaminiamo una ad una le gare di questo diciassettesimo turno, secondo del girone di ritorno!


Sabato 8 agosto

16:45 - FC Mosca - Rubin Kazan [diretta su SKY Sport Extra]
2003- Torpedo Metallurg - Rubin 1-2: 4' Bracamonte; 14' Sibaya, 71' Sillah.
2004- Torpedo Metallurg - Rubin 1-0: 73' Budunov.
2005- FC Mosca - Rubin 0-1: 90' Chisek.
2006- FC Mosca - Rubin 0-5: 4' Sibaya, 8' e 32' Dominguez, 39' Calisto, 52' Dominguez.
2007- FC Mosca - Rubin 2-1: 5' P. Bystrov, 83' Semak; 11' Budylin (rig.).
2008- FC Mosca - Rubin 1-2: 37' V. Kaleshin; 61' Hasan Kabze, 88' Ryazantsev.

Non può non essere considerato il big match di questo weekend. Sono di fronte a Mosca rispettivamente la seconda (seppur a pari merito con il Samba-Spartak) e la prima del Campionato. L'FC Mosca di Miodrag Bozovic è la vera rivelazione del torneo. Chi l'avrebbe mai detto che i 'Cittadini', in una stagione resa difficile dalla crisi economica, dopo la metà del torneo sarebbero stati lassù a giocarsi il primato in uno scontro diretto. Nemmeno la cessione di Hector Bracamonte al Terek Grozny, il leader dei Granata ,il simbolo dell'ex Torpedo Metallurg, pare aver intaccato le convinzioni dei ragazzi di Bozovic che hanno fatto presto a dimenticare il capellone argentino passato al Terek, espugnando in emergenza proprio la città cecena per poi passare al Luzhniki ed eliminare lo Spartak Mosca in Kubok Rossii. Una squadra simbolo di professionalità, lavoro e dedizione, dove la differenza la fa il gruppo (e soprattutto l'allenatore) e non i singoli. All'elenco degli indisponibili si è aggiunto nelle ultime ore anche il bosniaco Krunic, centrocampista titolare in questo 2009, mentre Bozovic tenterà di recuperare in extremis il centravanti slovacco Jakubko. Il Rubin arriva allo Streltsov con l'intento di portare a casa il massimo della posta. La squadra allenata da Berdyev, pur non essendo lo schiacciasassi dello scorso anno, è sempre scesa in campo per il risultato pieno e siamo certi che a Mosca, Semak - grande ex della gara - e compagni che dovrebbero ritrovare 'El Chori' Dominguez dall'inizio, gli intenti non cambieranno. Il polacco Murawski è stato tesserato e Berdyev potrebbe concedergli uno spezzone di gara.
Per quattro volte il Rubin ha vinto sul campo dei moscoviti, capaci di imporsi in due sole occasioni. Mai lo Streltsov ha visto il segno X al termine di una gara tra FC Mosca e Rubin.


16:45 - Spartak Nalchik - Spartak Mosca
2006- Spartak Nalchik - Spartak Mosca 2-2: 27' Dzudovic, 55' Pylypchuk; 40' Kalinichenko, 84' Pjanovic.
2007- Spartak Nalchik - Spartak Mosca 1-2: 51' Pylpchuk; 21' e 84' Kalinichenko.
2008- Spartak Nalchik - Spartak Mosca 1-2: 40' Geteriev; 42' C. Maidana, 58' Welliton.

Gara insidiosissima per la compagine di Valery Karpin, reduce da una serie di ottimi risultati, eliminazione in Coppa di Russia a parte. Dopo l'esaltazione del derby e dopo aver travolto il Kuban Krasnodar, per lo Spartak Mosca ecco una difficile trasferta in quel di Nalchik. E' vero che la classifica della squadra degli uomini di Krasnozhan è a dir poco pericolante, ma sul campo all'ombra dell'Elbrus quest'anno è riuscito a vincere soltanto il Krylya Sovetov, rovinando la festa per la centesima in Premier Liga dei rossobianchi del Caucaso. I padroni di casa, obbligati a vincere per non perdere ulteriore contatto dalla terzultima in classifica, hanno dato il meglio di se contro le pretendenti al titolo e l'arrivo dello Spartak Mosca in qualsiasi città è un evento. Non sarà facile dunque per Jiranek e compagni che dovranno fare a meno del trequartista Alex Meschini, decisivo nella maggior parte delle vittorie dello Spartak targato Karpin. All'infortunato di lungo corso Saenko si aggiungono Maidana ed Ibson. L'argentino ne avrà per un mese, mentre lo sfortunato brasiliano - che aveva debuttato contro il Kuban sette giorni fa - ha rimediato una frattura del quinto metatarso e ne avrà per due mesi. Assente anche Makeev, squalificato come Alex.
Lo Spartak Mosca è imbattuto in tutte le sfide con i colleghi di Nalchik, dove sono riusciti a vincere due volte su tre nella massima serie russa.


19:00 - Kuban Krasnodar - Saturn Ramenskoe
2004- Kuban - Saturn 0-0
2007- Kuban - Saturn 2-2: 50' Danishevskiy, 74' Jefton; 23' Cesnauskis, 89' Lebedenko.

Il Kuban non si sente implicato nella lotta per non retrocedere. E' questo quanto all'unisono ripetono i giocatori della squadra allenata da Sergey Ovchinnikov, il cui feeling con la vittoria si è interrotto dalla fine di maggio (gara vinta a Krasnodar contro il CSKA Mosca per 1-0, con decisivo gol di capitan Topchu). I gialloverdi stanno vivendo un momento delicato: incapaci di vincere in casa contro compagini che lottano per il comune obiettivo (la salvezza), fragili e malleabili in trasferta, dove hanno il peggior rendimento a pari merito col Khimki ultimo in classifica. In riva al Kuban tutti credono ciecamente in Ovchinnikov, dai dirigenti ai suoi ragazzi, nonostante alcuni mormorano che la dirigenza abbia già avviato i contatti con Yuran, ex tecnico di Shinnik e Khimki, al momento sulla panchina della Lokomotiv Astana. La pesante sconfitta rimediata a Mosca non ha lasciato segni indelebili. Paiono esser tornati in buoni rapporti anche Ovchinnikov e Traorè, che avevano litigato furiosamente due settimane or sono. Il Kuban deve convivere anche col tormentone Alan Kasaev. L'osseta ex Zenit ripete di esser pronto a non lasciarsi scappare la proposta del Rubin, ogni weekend che passa pare esser l'ultimo per il fantasista che in più di una occasione ha incantato il pubblico russo; eppure Kasaev rimane al momento ancora a Krasnodar. Il Saturn di Andrey Gordeev, che già all'andata mise a nudo tutti i problemi del Kuban, vincendo per 2-1 con una doppietta del rinato Kirichenko, cercherà di confermare le ultime positive uscite. Domenica scorsa anche grazie all'aiuto della dea bendata, gli 'Alieni' sono riusciti a strappare un pari allo Zenit. In seno alla squadra di Ramenskoe c'è grande tranquillità e fiducia nei propri mezzi, quella che mancava durante la gestione Roeber. Pesantissime però le defezioni di Igonin e Zelao: chi giocherà al centro della difesa?
Nei due precedenti giocari a Krasnodar, due pareggi.


Domenica 9 agosto

12:00 - Dinamo Mosca - Terek Grozny

2005- Dinamo - Terek 0-1: 78' Adamov.
2008- Dinamo - Terek 2-1: 64' Danny, 70' L. Fernandez; 88' Kuzmichev.

Si rituffa nel campionato la Dinamo Mosca di Andrey Kobelev dopo esser stata eliminata dai Preliminari di Champions League da un Celtic Glasgow più esperto e furbo. L'avversario che i 'Poliziotti' riceveranno alla Khimki Arena pare esser fatto apposta per tirar su il morale. Il Terek Grozny è una delle squadre meno corsare del torneo e da quando è tornata nella massima serie non è mai stata capace di espugnare il campo di una delle superbig moscovite, battute tutte invece con relativa facilità tra le mura amiche. I Ceceni - che potrebbero far debuttare Hector Bracamonte - vogliono cercare di dimenticare la brusca battuta d'arresto patita dall'FC Mosca settimana scorsa davanti al Premier Ceceno Ramazan Kadyrov, Presidente del Terek. Spesso si sente la dirigenza sussurrare la parola Europa. Bene, quello è l'obiettivo della Dinamo che dopo aver assaggiato l'Europa dei grandi, è seriamente intenzionata a ripetere l'esperienza l'anno prossimo. Attesa per Aguiar, con i tifosi che si aspettano di vederlo ancor più convincente dopo il gol al debutto segnato al Khimki; Kerzhakov cercherà di avvicinare o sorpassare Welliton nella classifica cannonieri, nonostante il Terek sia - insieme insieme all'Amkar ed allo Zenit - l'unica squadra di RPL alla quale non abbia ancora segnato.


14:00 - Krylya Sovetov Samara - Lokomotiv Mosca [diretta su Pervij Kanal, CH 1 RUS ORTi]
2002- Krylya Sovetov - Lokomotiv 1-0: 36' Radimov.
2003- Krylya Sovetov - Lokomotiv 3-0: 3' Rat, 53' (rig.) e 79' Karyaka.
2004- Krylya Sovetov - Lokomotiv 1-0: 25' Karyaka.
2005- Krylya Sovetov - Lokomotiv 0-0
2006- Krylya Sovetov - Lokomotiv 1-2: 82' Husin; 47' Gurenko, 58' Asatiani.
2007- Krylya Sovetov - Lokomotiv 3-1: 50' Topic, 77' Medvedev, 90' Topic; 29' Spahic.
2008- Krylya Sovetov - Lokomotiv 2-0: 90'+1 Bober, 90'+2 Kovba.

Per usare un eufemismo, definiamo il Krylya Sovetov la squadra meno amata del momento in Russia. Non bastava infatti la vicenda della presunta combine a Grozny contro il Terek che la squadra allenata da Leonid Slutskiy si è fatta clamorosamente eliminare - per giunta in modo incredibile - dai semiprofessionisti irlandesi del St.Patricks (!). Da ogni parte sono piovute critiche verso una squadra che ha gettato in malo modo alle ortiche una qualificazione facile, infangando l'onore ed il prestigio della Russia calcistica. Erano anni che a Samara non si respirava un clima così pesante. Sembrano passati secoli più che anni dalla gara d'andata, che il Krylya Sovetov giocava addirittura da capolista. Di quella squadra bella, brava ed intelligente e spesso elogiata su questo blog è rimasto ben poco. Le 'Ali' stanno lentamente scivolando a centro classifica dopo una serie di prestazioni mediocri, intervallate soltanto dal bel pareggio di Mosca contro lo Spartak. Occasione da cogliere al volo dunque per la Lokomotiv Mosca di Yury Semin che piano piano pare stia trovando il ritmo giusto per avvicinare le posizioni valevoli per un posto in Europa. Per risalire in modo deciso, i 'Ferrovieri' hanno bisogno di trovare in maniera più facile la via del gol e di iniziare a marcare punti pesanti anche in trasferta.
Su sedici incontri disputati, sette vittorie per le 'Ali' di Samara e cinque per i club delle Ferrovie Russe.


14:15 - Zenit San Pietroburgo - Tom Tomsk
2005- Zenit - Tom 1-0: 34' Spivak.
2006- Zenit - Tom 0-0
2007- Zenit - Tom 2-1: 17' e 37' Kim Dong-Jin; 19' Katinsus.
2008- Zenit - Tom 5-1: 6' Fayzulin, 12' Shirokov, 24' e 27' (rig.) Tymoschuk, 34' Fayzulin; 23' Michkov (rig.).

Gara da vincere assolutamente per lo Zenit San Pietrobuego che nella scorsa giornata ha regalato due punti alla concorrenza. Il problema degli uomini di Advocaat sono i minuti finali. Tantissimi i punti buttati via dai 'Meshki' nella battute conclusive. Il trend, manco a dirlo, è costato anche la fatica aggiuntiva dei tempi supplementari nel match, poi vittorioso di Kubok Rossii contro il Nizhny Novgorod. La vetta dista sette punti, un piazzamento in zona Champions, sei. A favore di Anyukov e compagni c'è però un calendario che vede tutti i big match da affrontare al Petrovskiy. Deve crederci la squadra di Advocaat, l'unica che pare intenzionata e non solo a parole a metter a segno importanti colpi sul mercato. I due nuovi arrivi, Kornilenko e Rosina, hanno già fatto in tempo ad andare in gol al debutto. Saranno tutte per loro le attenzioni nella sfida di domenica. Il bielorusso infatti è stato acquistato proprio dal Tom, che lo ha sostituito immediatamente con il possente centravanti della nazionale russa U-21 Artem Dzyuba, arrivato in prestito dallo Spartak Mosca. L'italiano ex Torino ha monopolizzato le pagine dei quotidiani sanpietroburghesi dopo il gran gol messo a segno in Coppa di Russia. Il 'Lisyj' (Pelato), come ormai tutti lo chiamano, è atteso alla riconferma contro gli uomini di Nepomnyaschiy, reduci dal regalo confezionato ed impacchettato al CSKA Mosca sabato scorso. Zenit senza Kim, squalificato. Tom che dovrà rinunciare all'ungherese Nemeth, probabilmente out sino al termine del torneo, oltre agli squalificati Michkov e Smirnov.
Bilancio favorevole allo Zenit che a Piter contro i Siberiani ha vinto tre gare, pareggiandone una.


16:30 - CSKA Mosca - Amkar Perm [diretta su SKY Sport Extra]
2004- CSKA - Amkar 3-0: 35' e 62' Zhirkov, 65' Jarosik.
2005- CSKA - Amkar 3-1: 7' Krasic, 73' e 90' Vagner Love; 48' Didenko.
2006- CSKA - Amkar 2-0: 13' e 75' Jo.
2007- CSKA - Amkar 1-0: 70' Jo.
2008- CSKA - Amkar 4-1: 45' Dzagoev, 50' e 75' Vagner Love, 89' Ignashevich; 37' Kushev.

Continuare a vincere ed avvicinare la vetta. Non può esser differente l'obiettivo del CSKA Mosca che domenica attende l'Amkar Perm che sarà priva degli squalificati Jean Carlos e Novakovic (grave assenza la prima). Gli uomini di Zico sono tornati
alla vittoria contro il Tom, dopo una serie di partite in chiaroscuro e la sconfitta nel sentitissimo derby contro lo Spartak. La squadra dell'Armata Rossa sta convincendo poco nelle ultime uscite, nonostante in Siberia Krasic e Dzagoev si siano espressi su altissimi livelli. Il mese d'Agosto, che l'anno scorso lanciò il CSKA verso un finale di stagione straordinario, sarà un mese pieno zeppo di esami per la squadre del Presidente Giner, che dovrà recuperare gli uomini più importanti, il gioco, i risultati e forse dovrà mettere a segno anche qualche colpo di mercato per affrontare la Champions League che quest'anno vedrà i moscoviti in seconda fascia. La difesa continua a rimanere la stessa da 5 anni a questa parte, Yuri Zhirkov non è stato ancora sostituito e due giocatori (il trequartista brasiliano Ramòn, un'autentica delusione - basti pensare che in patria lo consideravano un misto fra Kakà e Ronaldinho - e l'esterno sinistro turco Caner Erkin) sono stati messi fuori rosa da Zico a causa del loro comportamento. La lista degli indisponibili di Zico non è affatto trascurabile: torna sì Vagner Love, ma Daniel Carvalho e Maazou sono convalescenti, Ramon e Caner Erkin come detto sono fuori rosa. Non proprio tante le alternative per il tecnico brasiliano, viziato sino alla cessione di Zhirkov da incredibile abbondanza.
In casa il CSKA ha sempre battuto l'Amkar. All'andata finì 0-0, con i rossoneri degli Urali più volte vicino al gol.


18:45 - Rostov - Khimki
2007- Rostov - Khimki 1-1: 79' Osinov (rig.); 15' An. Arkhipov.

Match delicatissimo per gli ospiti. Una sconfitta per gli uomini di Sarsaniya regalerebbe al Rostov mezza salvezza. La situazione di classifica del Khimki è tragica. Il distacco dalle terzultima è di ben cinque punti. Tanti per una squadra che in sedici gare ha saputo vincere due volte soltanto. Sono tanti i problemni dei rossoneri della Moscow Region che dovranno trovare al loro interno le risorse per far fronte ad un momento pesantissimante critico. Il mercato difficilmente porterà aiuti concreti, viste le ristrettezze economiche. Per il Rostov l'occasione di tornare alla vittoria dopo un momento di appannamento che dura dalla ripresa della RPL dopo la pausa di giugno.
Un pareggio nell'unico precedente, risalente al maggio del 2007.


Buon Campionato a tutti!

Nessun commento: